L'erbario diventa opera d'arte in un progetto green che coinvolge tre città italiane


In occasione di tre eventi in tre città italiane, Green Island presenta L’erbario in viaggio: opere inedite di artisti internazionali sul tema Arte e Natura e vegetazione in movimento. 

In occasione del ventesimo anniversario dell’associazione aMAZElab, Arte, Cultura, Paesaggio, Green Island presenta L’erbario in viaggio: opere inedite di artisti internazionali sul tema “Arte e Natura” e vegetazione in movimento.

Il progetto, ideato per il Festivalfilosofia di Modena, intende essere un percorso per immagini articolato su tre città italiane in occasione di tre eventi nazionali e internazionali: Milano Design Week, 4/10 settembre (Stazione Porta Garibaldi | presentazione: lunedì 6 settembre ore 12.00, Atrio Stazione Porta Garibaldi, piazza Freud, Milano); Festivaletteratura di Mantova, 8/12 settembre (Stazione ferroviaria di Mantova); Festivalfilosofia, Modena, 17-19 settembre (Stazione ferroviaria di Modena). Il progetto terminerà con una mostra all’Orto Botanico di Modena. L’intento è promuovere il concetto di bellezza e del viaggiare in treno, unendo soggetti e pratiche culturali, proiezioni e mostre pubbliche, al fine di sensibilizzare il pubblico su temi urgenti come l’arte, la società, il paesaggio.

Le opere inedite propongono il concetto di erbario come opera d’arte e come oggetto di eco-design da collezionare. Saranno presentate su schermi nelle stazioni ferroviarie di Milano, Mantova, Modena. Qui le immagini degli artisti scorreranno in loop su grandi schermi, mentre per la tappa finale, le opere saranno esposte in un’unica mostra site-specific presso l’Orto Botanico di Modena per il Festivalfilosofia, all’interno dei Giardini Ducali, già luogo di dialogo tra arte e natura grazie alla presenza della Galleria Civica – Palazzina dei Giardini.

In questo contesto le immagini, stampate su grande formato e collocate nel verde dei giardini, si presenteranno come un’originale mappatura per un ATLANTE delle principali specie botaniche che caratterizzano il paesaggio del Mediterraneo. “Questa vegetazione, libera di vagare oltre i confini con spore e sementi in volo, è raccontata mediante immagini e disegni di artisti internazionali, che attraverso la loro visione ci restituiscono un puzzle inedito di forme botaniche, naturalistiche e creative, in un percorso artistico e scenografico all’aperto, in mezzo a piante e aiuole dei giardini pubblici accessibili a tutti” ha affermato Claudia Zanfi, ideatrice del progetto e fondatrice di Green Island.

Di seguito gli artisti coinvolti: Simone Berti, Fabiana De Barros, Paul Clemence, Judith Cowan, Sergio Leitao, Dorna Lofti, Achilleas Kentonis, Jacopo Natoli, Sabrina Notturno, Piet Oudolf, Vera Pravda, Anne Pellissier, Rossella Pezzino, Mezgeen Rashid, Oliver Musovik, George Salameh, Lorella Salvagni, Vincenzo Zancana, Lois Weinberger, Xurban Collective, Zafos Xagoraris. 

Gli artisti invitati hanno deciso di rendere omaggio alle geografie che l’associazione aMAZElab ha attraversato nel corso delle proprie ricerche socio-culturali, costruendo un ’Atlante Mediterraneo’ e un ’Arcipelago Balkani’.

Immagine: Atelier del Paesaggio. Courtesy Green Island e gli artisti 

 

L'erbario diventa opera d'arte in un progetto green che coinvolge tre città italiane
L'erbario diventa opera d'arte in un progetto green che coinvolge tre città italiane


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma