Brooklyn, piattaforme interattive si illuminano a ogni passo


Un’installazione interattiva sulla quale passeggiare per creare composizioni colorate in continua evoluzione: è Reflect. Sullo sfondo il ponte di Brooklyn.

È un’installazione multisensoriale e interattiva pensata per poter essere provata anche da più persone contemporaneamente, ma sempre mantenendo la distanza fisica necessaria in questo momento di pandemia. Di fatto è un’opera d’arte pubblica adatta per questo periodo.

Si tratta di Reflect, tre anelli concentrici, ciascuno formato da piattaforme interattive che rispondono ai passi dei visitatori e che si illuminano con diversi colori, creando composizioni in continua evoluzione. Realizzata da Jen Lewin, l’installazione è stata collocata in Domino Park a Brooklyn. È per la prima volta negli Stati Uniti, ma la sua presentazione risale alla primavera dello scorso anno a Tokyo. Durante il giorno, la superficie dicroica lucida di Reflect rispecchia il cielo e l’ambiente circostante, creando uno spazio surreale e stimolante. Di notte, l’opera si anima e si illumina mentre i visitatori camminano sui pannelli luminosi. 

Reflect crea una connessione con l’ambiente circostante, nonché con gli altri utenti che vi camminano simultaneamente, ma sempre in tutta sicurezza. Rimarrà in Domino Park fino al 15 aprile 2021 ed è accessibile tutti i giorni. 

Immagine: Jen Lewin, Reflect. Fotografia di Demian Neufeld, Ryders Alley Media e Matt Emmi Artwork © 2021 Jen Lewin

Brooklyn, piattaforme interattive si illuminano a ogni passo
Brooklyn, piattaforme interattive si illuminano a ogni passo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma