Brucia tra le fiamme re Felipe VI: è l'opera di Sierra e Merino


Nel giorno della Festa nazionale spagnola la statua iperrealistica di re Felipe VI è stata data alle fiamme. È la conclusione del progetto di Sierra e Merino.

Re Felipe VI di Spagna, raffigurato in una grande statua, è bruciato tra le fiamme in occasione del giorno della Festa nazionale spagnola, che si celebra il 12 ottobre per ricordare la scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo. 

La perfomance ha concluso il progetto artistico di Santiago Sierra ed Eugenio Merino: la scultura era stata infatti esposta alla fiera ARCO di due anni fa e, secondo quanto affermato dagli stessi artisti, era stata creata già con l’intento di bruciarla come, allo stesso modo, si bruciano le Fallas (monumentali figure e composizioni realizzate con materiali combustibili) nelle feste tradizionali spagnole, in particolare a Valencia. Un modo per disfarsi del vecchio e del corrotto per dare spazio al nuovo. 

Si trattava di un’opera d’iperrealismo alta quasi cinque metri e creata con materiali combustibili, quali cera, resine, legno, tessuto e capelli naturali; le fiamme hanno lasciato solo le ceneri e un teschio ignifugo, simbolo della vanitas

Con questa performance gli artisti hanno voluto esprimere “i sogni e i desideri di gran parte della popolazione di liberarsi di un’istituzione obsoleta”, una sorta di documento storico del tempo. 

A questo link il video.   

 

Brucia tra le fiamme re Felipe VI: è l'opera di Sierra e Merino
Brucia tra le fiamme re Felipe VI: è l'opera di Sierra e Merino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER