Street art, il Comune di Milano mette a disposizione 100 muri liberi in settanta zone della città


Dopo l’ufficio “Arte negli spazi pubblici”, il Comune di Milano mette a disposizione degli street artist cento muri liberi in settanta zone della città. 

Dopo la creazione di un ufficio completamente dedicato alla street art, chiamato Arte negli spazi pubblici, per promuovere e valorizzare la street art, il Comune di Milano mette a disposizione degli street artist cento muri cittadini liberi, in ben settanta zone della città, sui quali gli artisti possono esprimersi liberamente.

Una mappa georeferenziata online mostra e localizza la posizione dei muri liberi e la scheda di ciascuno di essi. Per riconoscerli sul posto sono stati contrassegnati da un apposito cartello con la seguente dicitura: “L’Amministrazione Comunale declina ogni responsabilità per i danni in cui potrebbero incorrere i soggetti terzi e i fruitori di questa superficie murale, a causa della realizzazione di disegni e/o pitture, qualora non abbiano adottato tutte le precauzioni necessarie a evitarli”. 

L’Amministrazione si riserva di far rimuovere eventuali scritte offensive a persone, religioni o organi di Stato. È possibile esprimersi anche su murales già presenti, poiché i muri sono a disposizione di tutti. Inoltre per creare nuove opere di street art sui muri non occorre richiedere né autorizzazione né pagare tariffe. 

Nell’immagine: il Giardino delle Culture di Milano

Street art, il Comune di Milano mette a disposizione 100 muri liberi in settanta zone della città
Street art, il Comune di Milano mette a disposizione 100 muri liberi in settanta zone della città


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma