Street art, il Comune di Milano mette a disposizione 100 muri liberi in settanta zone della città


Dopo l’ufficio “Arte negli spazi pubblici”, il Comune di Milano mette a disposizione degli street artist cento muri liberi in settanta zone della città. 

Dopo la creazione di un ufficio completamente dedicato alla street art, chiamato Arte negli spazi pubblici, per promuovere e valorizzare la street art, il Comune di Milano mette a disposizione degli street artist cento muri cittadini liberi, in ben settanta zone della città, sui quali gli artisti possono esprimersi liberamente.

Una mappa georeferenziata online mostra e localizza la posizione dei muri liberi e la scheda di ciascuno di essi. Per riconoscerli sul posto sono stati contrassegnati da un apposito cartello con la seguente dicitura: “L’Amministrazione Comunale declina ogni responsabilità per i danni in cui potrebbero incorrere i soggetti terzi e i fruitori di questa superficie murale, a causa della realizzazione di disegni e/o pitture, qualora non abbiano adottato tutte le precauzioni necessarie a evitarli”. 

L’Amministrazione si riserva di far rimuovere eventuali scritte offensive a persone, religioni o organi di Stato. È possibile esprimersi anche su murales già presenti, poiché i muri sono a disposizione di tutti. Inoltre per creare nuove opere di street art sui muri non occorre richiedere né autorizzazione né pagare tariffe. 

Nell’immagine: il Giardino delle Culture di Milano

Street art, il Comune di Milano mette a disposizione 100 muri liberi in settanta zone della città
Street art, il Comune di Milano mette a disposizione 100 muri liberi in settanta zone della città


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma