I diritti diventano opere di street art, da un'infanzia felice allo stop a povertà e fame


Si è concluso il progetto che è partito dalle periferie per coinvolgere la Regione Lazio: Street Art for Rights. 

Si è concluso Street Art for Rights, il progetto che sostiene la realizzazione di opere di street art al fine di creare un museo a cielo aperto, pubblico e gratuito per tutti.

L’iniziativa è partita dalle periferie di Settecamini e Corviale, dove ha affrontato i temi dell’agenda ONU 2030 con gli street artist Moby Dick, Diamond e SOLO; successivamente si è espansa anche nella Regione Lazio, coinvolgendo gli artisti Motorefisico, Tina Loiodice, Oniro, Marcello Russo e Alessandra Carloni. Questi ultimi hanno realizzato le loro opere a Cassino e a Latina per mettere in contatto alcune zone della regione, contraddistinte da contesti sociali e territoriali unici, con la realtà creativa contemporanea.

Tutte le opere sono state compiute utilizzando vernici speciali AirLite in grado di assorbire gli agenti inquinanti e trasformarli in sostanze inerti grazie alla luce solare che avvia un particolare processo chimico.

La prima fase di Street art for Rights, a Roma dal 18 al 28 marzo, nei quartieri Settecamini e Corviale, è stata ideata e diretta da Giuseppe Casa, curata da Oriana Rizzuto e organizzata dall’associazione culturaleTaste and Travel in collaborazione con MArtegallery. Si è avvalsa della collaborazione di ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e delle partnership diWorld Food Programme Italia, Banco Alimentare, Comunità Sant’Egidio, Forum Disuguaglianze e Diversità, Italia che cambia, GreenPeace, MArte Social, Comitato di Quartiere di Settecamini, Laboratorio di Città Corviale, Museo delle Periferie, Wunderkammern Contemporary Art Gallery, Dorothy Circus Gallery, Contemporary Cluster. Ha il patrocinio di Rai per il Sociale.

Il progetto è promosso da Roma Culture, vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020-2021-2022, curato dal Dipartimento Attività Culturali e realizzato in collaborazione con SIAE. 

Street Art for Rights-Regione Lazio, con gli artisti Diamond e SOLO, Moby Dick, Motorefisico, Tina Loiodice, Oniro, Marcello Russo e Alessandra Carloni è organizzato dall’associazione culturale Mitreo Iside e si avvale anche della collaborazione di MArte Social e MArteGallery, del collettivo Ammuri Liberi di Cassino e dei Comuni di Cassino e di Latina. Partner tecnici Ater, AirLite e Hard2buff.Il progetto è promosso e sostenuto dalla Regione Lazio, in collaborazione con i Comuni di Cassino e di Latina. 

Di seguito alcune delle opere realizzate. 

Urka Urka Tirulero oggi splende il Solo realizzato dall street artist Solo a Settecamini: tema è l’obiettivo 1 dell’Agenda ONU 2030 Sconfiggere la povertà. Una sospirante e innamorata Lady Marian osserva con preoccupazione l’avviso della taglia che pende sulla testa dell’amato Robin Hood, generoso e leggendario eroe popolare. Un’immagine apparentemente semplice che parla di scelte e rapporti complessi e propone riflessioni sull’amore e su quanto sia giusto mettere a rischio la propria vita per gli altri, spesso generando apprensione ed inquietudine in chi ci ama. I protagonisti si confrontano con concetti tra loro contrapposti quali ricchezza e povertà, ridistribuzione e legalità, amore e senso del dovere. Perenni conflitti accompagnano personaggi simbolo per antonomasia della lotta e dell’impegno a colmare le disuguaglianze e a dare a ognuno l’opportunità di avere le risorse per partecipare pienamente alla vita sociale e contribuire alla comunità con le proprie capacità. 

Domanda e offerta realizzato da Diamond a Settecamini: tema è l’obiettivo 2 dell’Agenda ONU 2030 Sconfiggere la fame. L’immagine è ispirata alle antiche stampe giapponesi e raffigura una donna orientale seduta accanto al focolare mentre consuma un pasto di frittelle di riso con le bacchette di legno. Anche i lunghi capelli della ragazza si animano per inforcare altre tipiche posate orientali ed accingersi a mangiare la pietanza. Il riso, una delle più antiche piante coltivate nel mondo, è qui simbolo di salute ed energia vitale ed oggi alimento base per oltre la metà dell’umanità. Il cibo nell’opera è sostentamento necessario e vitale, non solo dal punto di vista fisico, ma anche dal punto di vista metaforico come segno di conoscenza, cultura e sapienza di cui si nutrono la mente e l’anima.

Respect Animal realizzato da Moby Dick a Corviale: tema è l’obiettivo 3 dell’Agenda ONU 2030 Salute e Benessere

Per maggiori info: www.streetartforrights.it

Immagine: Tina Loiodice, Diritto a un’infanzia felice (Settecamini) Ph.Credit Gloria Viggiani

I diritti diventano opere di street art, da un'infanzia felice allo stop a povertà e fame
I diritti diventano opere di street art, da un'infanzia felice allo stop a povertà e fame


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma