Il Praemium Imperiale 2018 a Riccardo Muti e Pierre Alechinsky. Ecco tutti i vincitori


Assegnato il Praemium Imperiale 2018: i vincitori sono Riccardo Muti, Pierre Alechinsky, Fujiko Nakaya, Christian de Portzamparc e Catherine Deneuve.

Pierre Alechinsky per la pittura, Fujiko Nakaya per la scultura, Riccardo Muti per la musica, Christian de Portzamparc per l’architettura e Catherine Deneuve per il teatro/cinema: sono loro i vincitori dell’edizione 2018 del Preaemium Imperiale, il massimo riconoscimento del mondo nell’ambito delle arti. Ognuno di loro, scelto per i risultati conseguiti nel mondo dell’arte, per l’influenza da loro esercitata e per il contributo dato alla comunità mondiale, riceverà il diploma e la medaglia conferiti dal patrono onorario della Japan Art Association, il principe Hitachi, durante la cerimonia di premiazione che si svolgerà a Tokyo il 23 ottobre, e un premio da 15 milioni di yen (circa 115.000 euro).

Il Praemium Imperiale, arrivato quest’anno alla trentesima edizione, è il più importante premio artistico del mondo. Viene assegnato in cinque discipline (pittura, scultura, architettura, musica, teatro/cinema) e conferisce un prestigio internazionale in campo artistico pari a quello dei Premi Nobel in campo scientifico. La sua autorevolezza gli viene unanimamente riconosciuta anche grazie all’estremo rigore delle selezioni dei candidati e della scelta finale dei vincitori. In ciascuno dei sei paesi dei Consiglieri Internazionali appositi Comitati da essi presieduti propongono le candidature per i riconoscimenti annuali. Successivamente, tra queste “rose” di nomi i Comitati di Selezione della Japan Art Association provvedono a scegliere i cinque vincitori. Sono assicurate così la massima serietà e l’assenza di qualsiasi calcolo o condizionamento. Il Praemium Imperiale fu fondato nel 1988 e ha premiato 154 artisti, inclusi quelli di quest’anno, a partire dal 1989.

Oggi sono stati annunciati anche i vincitori della Borsa di Studio del Praemium Imperiale 2018, che va alla Shakespeare Schools Foundation (Regno Unito). Infatti, ltre a conferire il Praemium Imperiale in cinque diverse categorie, la Japan Art Association attribuisce una Borsa annuale a un gruppo o a una istituzione che promuova la partecipazione dei giovani all’arte. L’assegnazione della Borsa di Studio spetta, a rotazione, a ciascuno dei sei Consiglieri Internazionali della Japan Art Association.

Di seguito, tutte le motivazioni dei cinque vincitori.

Per la Pittura: Pierre Alechinsky (Bruxelles, 1927)
Fin da quando aderì a un movimento di avanguardia in Belgio e nel Nord Europa circa settant’anni fa, Pierre Alechinsky è sempre rimasto fedele alla sua passione per la pittura. Profondamente influenzato dalla calligrafia giapponese, che combina tradizione e modernità, ha elaborato un proprio stile - nella pittura, nel disegno, nella stampa, nella ceramica - caratterizzato dai colori vividi e dalle pennellate energiche. Alechinsky ha fortemente influenzato il mondo della pittura in Europa. Suscita ammirazione che egli sia ancora attivo all’età di novant’anni.

Per la Scultura: Fujiko Nakaya (Sapporo, 1933)
Se Isamu Noguchi ha ampliato il genere della scultura con le sue “Sculture della Terra” e James Turrell ha fatto altrettanto con le sue “Sculture della Luce”, si può dire che Fujiko Nakaya ha esteso tale limite fino a includervi le “Sculture dell’Atmosfera”, utilizzando la nebbia come mezzo. Negli ultimi 48 anni ha studiato e creato le sue “Sculture di nebbia” usando nebbia artificiale creata con acqua pura, fondendo insieme arte e tecnologia. Ha dato vita a più di 80 opere d’arte in tutto il mondo. Mentre aumenta la sua coscienza ambientale, le sue opere come “Artista della Nebbia” sono estremamente apprezzate.

Per l’Architettura: Christian de Portzamparc (Casablanca, 1944)
Christian de Portzamparc ha profondamente trasformato l’immagine dell’architetto moderno, prosaico e pragmatico, con la sua forte volontà di creare un’architettura dotata di spessore filosofico e artistico. Il suo stile si differenzia dal modernismo di Le Corbusier. Attribuisce grande importanza all’interazione tra gli spazi urbani e l’essere umano, elemento su cui ha costruito la sua teoria dell’architettura. Molto apprezzato è anche l’impegno profuso per elevare l’architettura alle massime vette dell’accademia come professore al Collège de France.

Per la Musica: Riccardo Muti (Napoli, 1941)
Con i prestigiosi traguardi raggiunti come direttore d’orchestra, Riccardo Muti è considerato un “Maestro tra i Maestri”. Ha diretto le più importanti orchestre del mondo. Il suo contributo riguardo alle opere di Verdi, in particolare, è di portata storica. Il suo eccezionale progetto “Le Vie dell’Amicizia”, che aspira a unire persone di origini diverse attraverso i concerti, dura da vent’anni ed è estremamente apprezzato. È inoltre degno di lode che egli abbia fondato l’“Italian Opera Academy” per sostenere e formare giovani direttori d’orchestra e cantanti d’opera.

Per il Teatro/Cinema: Catherine Deneuve (Parigi, 1943)
Incredibilmente dotata della capacità di esprimere le delicate sfumature del sentimento, Catherine Deneuve è considerata una delle migliori attrici al mondo. È stata eletta all’unanimità Migliore Attrice ai festival internazionali del cinema di Cannes, Venezia e Berlino. Ha affrontato ruoli inusuali con successo e senza alcun timore, ed è estremamente apprezzata da tutti i tipi di pubblico. Ha recitato in più di cento film e continua ancora oggi a dare prova della sua maturità recitativa. Inoltre è sempre pronta a schierarsi prendendo posizione in campo sociale, sulla base delle proprie convinzioni.

Nell’immagine, i vincitori del Praemium Imperiale 2018. Da sinistra: Riccardo Muti, Pierre Alechinsky, Fujiko Nakaya, Christian de Portzamparc, Catherine Deneuve

Il Praemium Imperiale 2018 a Riccardo Muti e Pierre Alechinsky. Ecco tutti i vincitori
Il Praemium Imperiale 2018 a Riccardo Muti e Pierre Alechinsky. Ecco tutti i vincitori


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


L'unica opera di Tiziano a Urbino torna a Palazzo Ducale dopo il restauro
L'unica opera di Tiziano a Urbino torna a Palazzo Ducale dopo il restauro
Firenze, gli Uffizi chiudono per guasto all'aria condizionata. Riapriranno domani
Firenze, gli Uffizi chiudono per guasto all'aria condizionata. Riapriranno domani
In Inghilterra compare un nuovo murale di Banksy
In Inghilterra compare un nuovo murale di Banksy
Chi è Milovan Farronato, nominato curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia del 2019
Chi è Milovan Farronato, nominato curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia del 2019
Milano, Salvini diventa Robocop: blitz artistico di Cristina Donati Meyer per protestare contro i respingimenti dei migranti
Milano, Salvini diventa Robocop: blitz artistico di Cristina Donati Meyer per protestare contro i respingimenti dei migranti
Uffizi, il restauro della Pala di Sant'Ambrogio di Botticelli svela tutti i dubbi e le incertezze del giovane pittore
Uffizi, il restauro della Pala di Sant'Ambrogio di Botticelli svela tutti i dubbi e le incertezze del giovane pittore