Addio a Gigi Proietti. Scompare il popolare attore e comico


Scompare il grande attore di teatro, cinema e tv Gigi Proietti. Proprio oggi avrebbe festeggiato il suo ottantesimo compleanno.

È scomparso questa notte a Roma il popolare attore Gigi Proietti. Proprio quest’oggi aveva compiuto 80 anni. Era ricoverato da quindici giorni in una clinica romana a causa di uno scompenso cardiaco ed era in condizioni gravissime. Nato Luigi Proietti a Roma il 2 novembre 1940, oltre a essere stato attore di teatro, cinema e tv, è stato doppiatore, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo, regista, direttore artistico. Nato da una famiglia originaria dell’Umbria, aveva manifestato fin da ragazzo un precoce talento per la musica (tanto che, per mantenersi agli studi di giurisprudenza, poi non completati, aveva esordito come cantante nei night club della capitale), e si era poi iscritto al Centro Teatro Ateneo, dove studiò con Arnold Foà, Giulietta Masina, Giancarlo Sbragia. Nel 1963 il debutto con lo spettacolo Can Can degli italiani scritto da Giancarlo Cobelli, il primo di una lunga serie di successi a teatro.

L’esordio al cinema è ancora più Precoce, perché Proietti fu ingaggiato come comparsa per il film Il nostro campione di Vittorio Duse nel 1955, ma il vero debutto arrivò nel 1966 con Le piacevoli notti, mentre in televisione nel 1964 con I grandi camaleonti. Da lì una carriera di numerosi successi: quasi cinquant’anni di attività in cui Proietti ha partecipato a 42 film, 33 fiction televisive, 51 spettacli teatrali (di cui 37 da regista) e anche 10 album musicali. Lo si ricorda per la sua verve, la sua ironia, il suo marcato accento romanesco alternato a un italiano con perfetta dizione, e alcune produzioni di grande popolarità come i film Febbre da cavallo e Le barzellette, lo one-man-show Io a modo mio, il telefilm Il maresciallo Rocca. Le ultime apparizioni sono state le sue escursioni nei documentari di Alberto Angela, mentre al cinema l’ultimo ruolo è quello di Mangiafuoco nel film Pinocchio di Matteo Garrone.

Per Gigi Proietti anche alcuni premi: un Leggio d’oro alla carriera nel 2006 e tre nastri d’argento, nel 1997 come miglior doppiaggio maschile per Robert De Niro in Casinò, nel 2003 come miglior attore protagonista per Febbre da cavallo - La mandrakata e nel 2018 alla carriera. Nel 1991 è stato insignito del titolo di Commendatore e nel 2003 di quello di Grande ufficiale della Repubblica italiana.

Addio a Gigi Proietti. Scompare il popolare attore e comico
Addio a Gigi Proietti. Scompare il popolare attore e comico


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER