Addio ad Alessandro Mendini, uno dei più grandi designer italiani. Sua la famosa poltrona Proust


Scompare a Milano, all’età di 88 anni, Alessandro Mendini, uno dei più famosi designer italiani.

È scomparso oggi a Milano, all’età di 88 anni, Alessandro Mendini, uno dei più noti e importanti designer italiani. Nato a Milano il 16 agosto 1931, Mendini si affermò fin dagli anni Settanta, quando rinnovò il design italiano con i suoi oggetti, i suoi mobili, gli ambienti, i dipinti, le installazioni. Mendini ha collaborato con molte importanti aziende internazionali, tra cui Cartier, Philips, Hermés, Swatch, Venini, Alessi, Bisazza, e ha svolto consulenze in tutto il mondo. Membro onorario della Bezalel Academy of Arts and Design di Gerusalemme, è stato professore onorario alla Accademic Council of Guangzhou Academy of fine Arts in Cina oltre che professore di design alla Hochschule für Angewandte Kunst a Vienna. Suoi lavori si trovano in vari musei e collezioni private.

Tra i suoi oggetti iconici si ricordano la poltrona Proust, progettata per Alchimia Edizioni (1976), il cavatappi Anna G per Alessi (1994) e la lampada Amuleto per Ramun (2013). Nel 1989 ha aperto assieme al fratello, l’architetto Francesco, l’Atelier Mendini a Milano, progettando le Fabbriche Alessi a Omegna, la nuova piscina olimpionica a Trieste, la Torre dell’Orologio di Gibellina, alcune stazioni di metropolitana di Napoli (Salvator Rosa, Università e Materdei) e il restauro della Villa Comunale a Napoli, il Teatro Comunale di Arezzo, il Byblos Art Hotel-Villa Amistà a Verona, i nuovi uffici di Trend Group a Vicenza. All’estero, Mendini ha posto la sua firma sul Museo di Groningen in Olanda, sul palazzo per gli uffici Madsack ad Hannover, sul Museo della Ceramica di Incheon in Corea.

Molti i riconoscimenti da lui ottenuti: nel 1979 e nel 1981 gli è stato attribuito il Compasso d’oro per il design, è “Chevalier des Arts et des Lettres” in Francia, ha ricevuto l’onorificenza dell’Architectural League di New York e la Laurea Honoris Causa al Politecnico di Milano e all’Ecole normale supérieure de Cachan in Francia.

“Con  Alessandro Mendini”, dichiarano Cristina Tajani e Filippo Del Corno, assessori rispettivalemtne al lavoro e alla cultura del Comune di Milano, “si spegne un maestro e un padre del ’Made in Italy’ che ha fatto del colore e della cultura del progetto un segno distintivo del design italiano. La lezione di creatività portata avanti Alessandro Mendini in oltre cinquant’anni di attività, ha indiscutibilmente determinato la storia e l’affermazione di Milano quale capitale del design e della creatività. Con il suo stile ludico, ironico e colorato ha anticipato molte delle tendenze e linee del design moderno, dalle poltrone ai cavatappi sino alle architetture declinate con un linguaggio pittorico fatto di forme e colori. Una storia che può e deve essere d’esempio per i tanti giovani che oggi si avvicinano al mondo del design e del progetto”.

Nella foto: Alessandro Mendini nel 2014. Ph. Credit

Addio ad Alessandro Mendini, uno dei più grandi designer italiani. Sua la famosa poltrona Proust
Addio ad Alessandro Mendini, uno dei più grandi designer italiani. Sua la famosa poltrona Proust


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER