Agrigento: scoperti i primi gradoni del teatro antico


Ad Agrigento scoperti i primi gradoni del teatro antico di Akragas: una conferma per la grandezza e l’importanza dell’antico monumento.

Dopo poco più di anno di scavi al teatro antico di Akagras ad Agrigento, nella Valle dei Templi, gli archeologi hanno riportato alla luce i primi gradoni sommitali sui quali sedeva il pubblico per assistere a spettacoli o dibattiti nel IV secolo avanti Cristo.

Questo ritrovamento conferma la grandezza e l’importanza dell’antico monumento, che doveva misurare all’incirca 100 metri di diametro, che era stato scoperto lo scorso anno e del quale gli archeologi dell’ente parco siciliano e del Politecnico di Bari sperano di rinvenire altre parti per ricostruirne la sua originaria struttura.

Il Sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, ha evidenziato l’importanza delle nuove scoperte che “elevano le potenzialità del sito Unesco e rigenerano l’anello di congiunzione tra la collina dei Templi e la città millenaria. Il teatro antico racconta la storia di Agrigento dal periodo greco-romano e tardo-antico, e ricostituisce il tessuto urbanistico con il colle di Girgenti su cui sorge la città medievale e moderna. Agrigento è un unicum che nel 2020 potrà raccontare passo dopo passo i 2600 anni di storia dalla sua fondazione. Assieme alle recenti eccezionali scoperte dell’Agorà, del tempio romano e della grande varietà di antiche suppellettili, i gradoni del teatro sono la speranza concreta dell’esistenza di blocchi di sedute ancora sommersi dal terreno. Il teatro antico c’è ed è bellissimo".

“Siamo a metà dell’opera" commenta il direttore del parco archeologico di Agrigento, Giuseppe Parello "e a fine gennaio concluderemo questi lavori di scavo che hanno confermato la struttura del teatro”.

Gli scavi sono stati finanziati dalla Valle dei Templi sfruttando il surplus degli introiti del 2016. I gradoni si trovavano pochi centimetri sotto la campagna sotto la quale “dorme” il teatro ellenistico; si tratta di grandi blocchi di forma trapezoidale.
Oltre ai blocchi di pietra della cavea, gli scavi hanno portato alla luce alcune maschere teatrali e lucerne, oggetti tipici legati all’uso di un teatro antico, ed un frammento di vaso a figure rosse su fondo nero che sarà oggetto di studi insieme con gli altri reperti in vista di una esposizione che sarà allestita nei prossimi mesi.

Immagine: una parte della Valle dei Templi di Agrigento.

Agrigento: scoperti i primi gradoni del teatro antico
Agrigento: scoperti i primi gradoni del teatro antico


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Su Sky Arte HD una serata dedicata alle bellezze del Vaticano
Su Sky Arte HD una serata dedicata alle bellezze del Vaticano
MiBACT, nominati i membri ministeriali della Commissione Sistema Museale Nazionale
MiBACT, nominati i membri ministeriali della Commissione Sistema Museale Nazionale
Milano, la Fondazione Cariplo restaura Palazzo Melzi d'Eril, un gioiello neoclassico restituito alla città
Milano, la Fondazione Cariplo restaura Palazzo Melzi d'Eril, un gioiello neoclassico restituito alla città
Il Santa Maria della Scala di Siena inserito tra i musei di rilevanza regionale
Il Santa Maria della Scala di Siena inserito tra i musei di rilevanza regionale
Il pubblico potrà assistere in diretta al restauro della Resurrezione attribuita a Mantegna all'Accademia Carrara
Il pubblico potrà assistere in diretta al restauro della Resurrezione attribuita a Mantegna all'Accademia Carrara
Ancora scoperte importanti a Pompei, rinvenuto un cavallo con rara bardatura militare
Ancora scoperte importanti a Pompei, rinvenuto un cavallo con rara bardatura militare