Guide turistiche: “la nostra categoria va inserita tra quelle da vaccinare per prime”


L’AGTA - Associazione Guide Turistiche Abilitate chiede che la categoria delle guide turistiche sia tra le prime a esser vaccinate, per far ripartire meglio il turismo.

L’AGTA - Associazione Guide Turistiche Abilitate sostiene che la categoria delle guide turistiche e degli accompagnatori turistici vada inclusa tra le categorie da inserire prioritariamente nel piano di vaccinazione contro il Covid-19. È quanto l’AGTA ha richiesto ufficialmente ai ministri competenti e ai presidenti di tutte le regioni: la motivazione è che vaccinare le guide turistiche sia una condizione necessaria per far ripartire il turismo, settore economico strategico per l’Italia.

“Al fine di pianificare una ripartenza del turismo, completamente fermo dallo scorso marzo”, si legge nella richiesta ufficiale, “è fondamentale che i professionisti del settore che lavorano a contatto con il pubblico (guide e accompagnatori turistici in primis) siano vaccinati nel più breve tempo possibile, al fine di tutelare la salute loro e dei viaggiatori”.

A livello europeo, fanno sapere le guide, si sta parlando di un certificato o di un passaporto vaccinale che potrebbe essere utilizzato per poter viaggiare in aereo. Addirittura, le navi da crociera, la cui attività è stata consentita dai più recenti provvedimenti legislativi, hanno previsto di operare in condizioni di bolla sanitaria, evitando quindi ai passeggeri qualsiasi contatto con persone potenzialmente veicolo di contagio (dunque non vaccinate) per l’intera durata del viaggio. Questo, secondo AGTA, significa che “guide e accompagnatori, per i quali il mercato crocieristico costituisce una parte notevole del fatturato, potranno di fatto lavorare solo se in possesso di certificato vaccinale, col rischio concreto di vedersi sostituiti dal personale interno della nave. Questa situazione rischia di creare discriminazioni e situazioni di concorrenza sleale; e rischia di penalizzare fortemente i professionisti abilitati (che potrebbero essere sostituiti da personale senza abilitazione) e addirittura tutti gli operatori italiani nei confronti dei loro colleghi d’oltralpe, nel momento in cui alcuni abbiano accesso al vaccino prima di altri”.

“Ricordiamo”, continua AGTA, “che guide e accompagnatori turistici sono stati tra le categorie più duramente colpite dalla crisi post-Covid. Nel momento in cui si lavora a una ripartenza del settore, consentendo le crociere (già autorizzate) o la riapertura delle frontiere e dei viaggi turistici (speriamo al più presto), diventa fondamentale garantire il diritto degli operatori a poter svolgere la propria attività professionale. L’urgenza della vaccinazione non si pone solo per questioni economiche e sociali: guide e accompagnatori turistici sono due categorie che, durante il loro lavoro, si trovano a stretto contatto con gente di tutte le nazionalità: nei musei, nelle chiese, sui pullman, nei ristoranti, nei bar, negli alberghi. Rientrano quindi tra le categorie a rischio. vero che ora l’attività è completamente ferma, ma, se c’è una speranza che tra qualche mese si possa ripartire anche in minima parte, è necessario che proprio queste due categorie siano pronte e vaccinate; è importante per tutelare loro come lavoratori e i turisti, che saranno molto più tranquilli sapendo di essere seguiti da persone vaccinate. Questo va programmato da ora, non quando il turismo ricomincerà”.

“Inoltre, proprio ai fini della ripartenza, quindi in un’ottica di marketing nazionale”, concludono le guide di AGTA, “la vaccinazione dei professionisti del turismo contribuisce a dare l’immagine di un paese sicuro a livello sanitario e che presta la massima attenzione alla tutela dei turisti: un messaggio molto importante per chi vorrà viaggiare di nuovo e scegliere il paese in cui andare. Chiediamo quindi che guide e accompagnatori vengano inseriti tra le categorie da vaccinare prioritariamente in ragione della tipologia di lavoro svolto, per tutelare loro stessi e il pubblico con cui si relazionano”.

Guide turistiche: “la nostra categoria va inserita tra quelle da vaccinare per prime”
Guide turistiche: “la nostra categoria va inserita tra quelle da vaccinare per prime”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma