Analisi non invasive per La ragazza con l'orecchino di perla


A breve La ragazza con l’orecchino di perla, celebre opera di Vermeer, sarà sottoposta ad analisi non invasive con tecnologie sofisticate.

Il celebre dipinto raffigurante "La ragazza con l’orecchino di perla" realizzato dall’artista olandese Jan Vermeer sarà a breve sottoposto a una serie di analisi tramite l’utilizzo di tecnologie sofistificate, come infrarossi e microscopio digitale.

Scopo di queste ultime è comprendere maggiormente la tecnica pittorica con cui Vermeer compì il quadro e scoprire i pigmenti, l’olio e gli altri materiali utilizzati per dipingere.

Ad occuparsi di questo tipo di analisi non invasive sarà un team di ricercatori, scienziati e storici dell’arte e, al fine di permettere al pubblico di assistere a gran parte degli esami, il dipinto verrà trasferito in un laboratorio allestito per l’occasione con pareti di vetro. Ogni fase sarà proiettata e diffusa su uno schermo multimediale.

Le ultime analisi alla tela furono eseguite circa venticinque anni fa in seguito a un intervento di restauro. 

Fonte: Il Messaggero

Immagine: Johannes Vermeer, La ragazza con l’orecchino di perla o La ragazza col turbante (1665 circa; olio su tela, 44,5 x 39 cm; L’Aia, Mauritshuis)

 

Analisi non invasive per La ragazza con l'orecchino di perla
Analisi non invasive per La ragazza con l'orecchino di perla


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER