Ancona candidata Capitale Cultura 2022. L'Altro è il tema scelto


Ancona candidata Capitale della Cultura 2022. Tema scelto è La Cultura tra L’Altro. 

Ancona è candidata Capitale Italiana della Cultura 2022: tema scelto per il dossier è La Cultura tra L’Altro

“Per candidarci abbiamo scelto il tema dell’Altro” ha commentato Paolo Marasca, assessore alla cultura del Comune di Ancona. “Un tema che è fondamentale per la cultura di ogni tempo, ed è vitale per una città come Ancona, nata, cresciuta e quasi distrutta per mano dell’Altro. Un tema, anche, che oggi assume una valenza ulteriore, e con il quale ci mettiamo a disposizione del Paese per trovare risposte nell’universo complesso delle relazioni, dei legami, degli incontri, ma anche della diffidenza e della distanza. La città ha partecipato con grande impegno e creatività, sviluppando progetti unici e originali, generativi. Sappiamo quanto ve ne sia bisogno”. 

Il tema dell’Altro è declinato in tre grandi sezioni: Altro come Incontro, Altro come Trauma, Altro come Cura.
L’Altro come Incontro racchiude progetti che mettono al centro la relazione e la scoperta dell’altro nell’esistenza individuale e collettiva: mostre, occasioni sociali, concerti, spettacoli con grande interazione con il pubblico, pensati da personaggi della cultura italiana, tra i quali Marco Baliani e Mauro Ermanno Giovanardi.
L’Altro come Trauma riflette sulle cicatrici, i conflitti, le complessità, le intrusioni che, sempre, derivano dall’incontro con l’Altro. Trauma è conflitto, ma anche gestione del conflitto, confronto che permette a una comunità di crescere, nella coscienza della differenza: tra i pensatori che porteranno i loro contributi, il filosofo Federico Leoni.
L’Altro come Cura comprende i progetti animati da un forte spirito sociale, che si impegnano per la riqualificazione di spazi e che cercano di ricucire un tessuto sociale sfibrato, animati da personalità come Massimo Recalcati. Prendersi cura – dell’Altro, della comunità, della propria città, del Pianeta – è ciò che determina una civiltà. 

La candidatura parte dalla consapevolezza che oggi più che mai la cultura ha un ruolo sociale: l’identità, l’inclusione, l’uguaglianza, la coesione sociale sono temi delle arti e del pensiero contemporaneo e la cultura è lo strumento attraverso cui i cambiamenti, gli avvenimenti e le risposte fornite dalla tecnica sono filtrati e guadagnano così un senso, per migliorare l’individuo e la collettività.

Ancona progetta inoltre un nuovo sistema culturale che si lega al piano strategico pluriennale che si articola in tre punti fondamentali: Città-Mare, che valorizza la sua posizione nell’Adriatico e l’elemento naturale che le è proprio; Città-Mole perché ad Ancona si trova uno dei più affascinanti complessi monumentali del Paese, la Mole Vanvitelliana, dell’architetto Vanvitelli; Città-Capoluogo, per rivendicare un ruolo centrale nel territorio.

A questi aggiungono importanti interventi di rigenerazione urbana: si concluderà il restauro della Mole Vanvitelliana, con l’apertura di una nuova ala di 6000 metri quadrati. Anche lo spazio esterno della settecentesca Mole si trasforma: i vecchi binari in disuso saranno coperti dal prato e da allestimenti e il mare e le barche ormeggiate nell’acqua che circonda il monumento diventeranno scene per attività ed eventi e per la comunità. Si riallaccia così il legame tra Ancona e il Porto Antico, che diventerà la grande arena per spettacoli all’aperto.
Accanto a questo grande centro di cultura lungo il mare, si lavora in parallelo per rivitalizzare, attraverso la cultura, le periferie: le istituzioni, i festival, le associazioni e i grandi progetti urbanistici ricostruiscono le identità e gli spazi di incontro, riconnettendo le periferie al centro città.

A sostegno della candidatura del capoluogo sono stati rafforzati legami con altre città delle Marche: Loreto con la Santa Casa; Macerata, città del celebre Sferisterio; Recanati, città di Leopardi; Senigallia; Camerano e anche Fano, candidata anch’essa a Capitale della Cultura. 

In occasione di Ancona candidata Capitale della Cultura 2022 è stata creata l’apposita piattaforma www.ancona2022.com

Nell’iimmagine, la Cattedrale di San Ciriaco. Ph.Credit Zitti

Ancona candidata Capitale Cultura 2022. L'Altro è il tema scelto
Ancona candidata Capitale Cultura 2022. L'Altro è il tema scelto


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma