Animali in giro per le vie di Firenze: lupi, volpi, istrici. Guarda i video


Diversi cittadini segnalano animali che se ne vanno in giro per le vie di Firenze. Ecco i video dai social.

La reclusione forzata a cui sono stati sottoposti gli italiani ha portato molti animali nei centri delle nostre città: quadrupedi che scendono nottetempo (ma a volte anche di giorno) dalle colline o dai boschi e si ritrovano a passeggiare nei centri urbani lasciati vuoti dalle misure contro l’epidemia di Covid-19 da coronavirus. Ovviamente, è retorico dire che la natura si è ripresa i suoi spazi: semplicemente, il silenzio e l’assenza di confusione spingono qualche bestia un po’ più temeraria ed “esploratrice” delle altre a compiere qualche incursione in luoghi inusuali.

Muovono però una certa simpatia le immagini degli animali a passeggio tra le strade solitamente trafficate o percorse dei turisti. Succede anche in una delle capitali mondiali del turismo di massa, Firenze: ormai, nel capoluogo toscano gli “avvistamenti” di animali ripresi dai cittadini si susseguono giorno dopo giorno. Ed ecco dunque un lupo che si aggira per le vie di Sesto Fiorentino, un istrice che si fa un giro in piazza Santo Spirito, proprio davanti alla chiesa che ospita il crocifisso giovanile di Michelangelo, o una volpe che attraversa i viali di circonvallazione. Ecco di seguito alcuni video con gli animali in giro per Firenze, girati dai cittadini.





Animali in giro per le vie di Firenze: lupi, volpi, istrici. Guarda i video
Animali in giro per le vie di Firenze: lupi, volpi, istrici. Guarda i video


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER