Annunciato il ritrovamento delle spoglie di Khaled al-Asaad, l'archeologo ucciso dall'Isis


Siria, l'agenzia d'informazione governativa annuncia il ritrovamento delle spoglie di Khaled al-Asaad, l'archeologo barbaramente torturato e ucciso dall'Isis per aver difeso Palmira.

Sarebbero state ritrovate in Siria le spoglie di Khaled al-Asaad, il coraggioso archeologo siriano, per molti anni (dal 1963 al 2005) direttore del sito archeologico di Palmira, barbaramente torturato e assassinato all’età di 80 anni dall’Isis il 18 agosto del 2015 per non aver voluto rivelare ai terroristi il luogo in cui gli archeologi del sito avevano nascosto alcune importanti opere di Palmira per evitare che finissero nelle mani dei miliziani dell’Isis, che le avrebbero vendute illegalmente per finanziare le loro azioni terroristiche (“Qui non c’è nulla, se non nella vostra immaginazione: l’oro di Palmira sta nella sua eternità”, avrebbe risposto ai terroristi, secondo quanto il figlio Waleed ha riportato in un’intervista all’Avvenire). Un gesto di grande valore e amore per l’arte che lo studioso, riconosciuto dalla comunità internazionale come uno dei massimi studiosi di Palmira, pagò con la vita.

A comunicare la notizia del ritrovamento delle spoglie di al-Asaad è stata l’agenzia d’informazione governativa siriana Sana. Secondo l’agenzia, le spoglie sono state ritrovate assieme ai resti di altre due persone nell’area di Kahlul, a est di Palmira. Adesso sono state trasferite a Damasco per il test del DNA, che dovrà dare la prova effettiva che si tratti veramente di Khaled al-Asaad.

Molti i riconoscimenti tributati a Khaled al-Asaad dopo il suo assassinio: la Siria gli ha riconosciuto postumo l’Ordine del Merito Civile, è stato inserito nel Giardino dei Giusti di Milano come “giusto delle nazioni”, è stato decretato “Martire della scienza” dell’Accademia dei Filomati, gli è stata intitolata l’area degli Arsenali della Repubblica di Pisa, gli è stato intitolato l’International Archaeological Discovery Award, premio che viene assegnato ogni anno dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico alla scoperta archeologica più importante dell’anno, e poi ancora gli sono stati intitolati il Museo della Città di Aquino, lo Spazio delle Culture del Mudec di Milano, la sala dei sarcofagi fenici del Museo Archeologico di Palermo, un’edizione dei “Luoghi del Cuore” del FAI.

La nostra rivista ha dedicato alla memoria di Khaled al-Asaad il numero 6 della nostra rivista cartacea (giugno-luglio-agosto 2020), che include un dibattito con le posizioni di diversi esperti sull’arte negli scenari di guerra. Sempre sulla nostra rivista, nell’ottobre del 2015, abbiamo tradotto in italiano alcuni brani di un suo articolo su Palmira.

Immagine: Khaled al-Asaad.

Annunciato il ritrovamento delle spoglie di Khaled al-Asaad, l'archeologo ucciso dall'Isis
Annunciato il ritrovamento delle spoglie di Khaled al-Asaad, l'archeologo ucciso dall'Isis


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma