“Così facciamo fare arte ai bambini a distanza durante la quarantena”. Ecco il progetto “Arte alla finestra”


Artebambini lancia il progetto ’Arte alla finestra’, un’iniziativa per far creare arte ai bambini a distanza, durante i giorni della quarantena.

Artebambini, l’impresa culturale dell’Associazione Attività Educative di Valsamoggia (Bologna), accreditata presso il Ministero dell’Istruzione, che da tempo opera nel settore dell’educazione e della formazione ispirandosi a metodi di pedagogia attiva, lancia un progetto destinato ai bambini costretti in casa dalle misure per contrastare l’epidemia di Covid-19 da coronavirus. Si tratta di Arte alla finestra, un progetto di condivisione di pratiche artistiche per bambini.

Arte alla finestra”, ci ha spiegato Irene Ferrarese di Artebambini, “è l’idea di bussare alle finestre dei bambini con una proposta che fa toc toc via Whatsapp, mail o Facebook. Qualche riga, qualche idea, perché genitori, bambini, insegnanti, adulti, si sentano ancora parte di una collettività che pensa, gioca, crea, e perché si sentano liberi partecipando al grande gioco della cultura. Come funziona? Ogni quattro giorni di questo periodo di restrizioni inviamo a chi ce ne fa richiesta una proposta semplice da realizzare in casa, con quello che si ha tra le mura domestiche, chiedendo a chi vuole di inviarci poi una foto dell’opera realizzata... fotografata possibilmente alla finestra! Noi rispondiamo ad ognuno dei bambini che ci scrive perché solo così, in questo gioco di rimandi, resta vivace e appassionante la relazione educativa”.

Il progetto Arte alla finestra è partito venerdì 6 marzo e sono già centinaia le fotografie ricevute da Artebambini, anche perché ogni finestra a sua volta ne ha fatte aprire altre. Arte alla finestra è la prosecuzione in stile “quarantena” del lavoro che Artebambini già da anni porta nelle case dei bambini: “in questo periodo, come tutti, siamo fermi”, afferma Irene Ferrarese, “ci prendiamo tempo per leggere, studiare, fare ricerca, in modo da tornare più preparati. Certo i bambini ci mancano e crediamo che, ora più che mai, sia importante sentirsi parte di una responsabilità più grande e di un tutto invisibile adesso, ma che ancora si muove dentro le proprie abitazioni. Ci sentiamo tutti meno liberi, soprattutto i bambini, ma Gaber ci ha insegnato che la libertà è partecipazione: solo partecipando possiamo recuperarla e sentirla viva nei nostri gesti”.

L’invito dunque è quello a partecipare al progetto, anche in vista di ciò che potrebbe nascere da Arte alla finestra. “Ci piacerebbe, alla fine di questo periodo”, fa sapere Irene Ferrarese, “organizzare una grande mostra, che faccia incontrare e re incontrare i bambini tra loro e davanti alle loro opere: l’occasione reale di vedere che l’arte, se anche non è qui, o lì o là in un posto definito, è comunque presente in un altrove che può avere fondamenta, pareti di vento, e dialoghi quasi reali. Segno che la cultura ci rende liberi. Abbiamo da poco deciso di rivolgerci anche alle mamme in attesa e con bambini appena nati, perché l’arte è di tutti e sa parlare ed essere accessibile come la più democratica delle democrazie. La mostra sarà il momento in cui i bambini realizzano con i loro occhi quello che da giorni stiamo scrivendo ad ognuno di loro: pensate, anche se adesso non li vedete, che tanti bambini in questo preciso istante stanno facendo la stessa cosa che fate voi!”.

Per avere informazioni generali sul progetto è sufficiente inviare una mail a info@artebambini.it o visitare la pagina Facebook di Artebambini. Chi vuole partecipare può inviare mail ai seguenti indirizzi: per Toscana, Piemonte e Liguria, loplop.artebambini@gmail.com; per Lombardia, artebambini.lombardia@gmail.com; per Lazio e Umbria, artebambini.lazio@gmail.com; per Puglia, artebambini.puglia@gmail.com; per Trentino, artebambini.trentino@gmail.com; per tutte le altre regioni, vale l’indirizzo info@artebambini.it. Il sito del progetto è www.artebambini.it.

“Così facciamo fare arte ai bambini a distanza durante la quarantena”. Ecco il progetto “Arte alla finestra”
“Così facciamo fare arte ai bambini a distanza durante la quarantena”. Ecco il progetto “Arte alla finestra”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER