Arriva dopo 137 anni l'autorizzazione ufficiale di costruzione della Sagrada Familia


In questi giorni è stata ottenuta l’autorizzazione ufficiale per la costruzione della Sagrada Familia, celebre monumento incompiuto di Antoni Gaudí a Barcellona.

Dopo 137 anni dall’inizio della costruzione della Sagrada Familia, uno dei monumenti più visitati e fotografati di Barcellona, rimasta ancora incompiuta, è stata ottenuta in questi giorni l’autorizzazione ufficiale da parte del Municipio per portare a termine l’opera.

L’ente che si occupa della costruzione della Sagrada Familia dovrà pagare 4,6 milioni al Municipio stesso per l’ICIO, la tassa su costruzioni, installazioni e opere, e per le tasse sull’autorizzazione di costruzione di opere. Il permesso prevede un massimo edificabile di 172 metri di altezza, limite a cui dovrà sottostare il celebre monumento progettato da Antoni Gaudí e dichiarato Patrimonio dell’UNESCO già nel 1984.

Inoltre il Municipio ha determinato il principale uso dell’edificio: centro di culto visitabile, delimitando a 378 metri lo spazio di uso commerciale, a cui si avrà accesso solo dall’interno della basilica.

Janet Sanz, assessore all’Urbanistica della città di Barcellona, ha affermato di essere riuscita a realizzare uno dei suoi obiettivi fondamentali della sua legislatura, portando a conclusione "un’anomalia storica della città".

Dal 1882 la Sagrada Familia sarà completata, secondo le previsioni, nel 2026 e la stima dei costi è di 374 milioni di euro.

Ph.Credit

 

Arriva dopo 137 anni l'autorizzazione ufficiale di costruzione della Sagrada Familia
Arriva dopo 137 anni l'autorizzazione ufficiale di costruzione della Sagrada Familia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma