Banksy apre un negozio a Londra, ma è vietato entrare


Gross Domestic Product è il nome del negozio che Banksy ha aperto a Londra. Vietato entrare al suo interno; i prodotti in vendita online si possono vedere solo dalle vetrine

A Croydon, un sobborgo di Londra, è comparso un negozio che non ammette visite al suo interno, ma i cui oggetti esposti sono visibili solo dalle vetrine

Sull’insegna è scritto Gross Domestic Product: vi sono esposte opere d’arte e oggetti decorati ed è stato aperto da Banksy, il celebre street artist sulla cui identità aleggia ancora il mistero. 

Il negozio è comparso nei locali di un’ex rivendita di tappeti e resterà “in mostra” per le prossime due settimane, ma in un comunicato appeso in vetrina è stato scritto che i prodotti saranno in vendita mediante un negozio online che sarà disponibile nei prossimi giorni. 

Sembra che lo stesso Banksy abbia dichiarato che il negozio è stato aperto per motivi legali, poiché una società di biglietti di auguri sta cercando di rubare i diritti della sua arte e di utilizzare il suo nome per vendere la loro merce finta firmata Banksy, mentre il ricavato dalla vendita online sembra che servirà per acquistare una nuova nave Ong

Tra gli oggetti presenti, un tappeto che rimanda a Tony the Tiger, la tigre mascotte dei cereali Kellogg’s, una culla con telecamere di sorveglianza, giubbotti salvagente, un gioco che consiste nel caricare migranti su un camion da trasporto, oltre a tazze, t-shirt e altri oggetti decorati con alcune delle opere più famose dello street artist

Fonte: Corriere della Sera - Il Post

Qui il post dedicato sul suo profilo Instagram.

Ph. Credit Chris J Ratcliffe/Getty Images

Banksy apre un negozio a Londra, ma è vietato entrare
Banksy apre un negozio a Londra, ma è vietato entrare


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER