Sorprendente Banksy: una sua opera viene venduta in asta per 1 milione di euro e poi si autodistrugge


Banksy sorprende ancora: una sua opera viene battuta in asta a oltre un milione di euro, e subito dopo si autodistrugge.

Non smette di stupire Banksy (Bristol, 1974), che arriva a compiere un gesto senza precedenti nella storia dell’arte, stupendo tutto il mondo. Nel corso di un’asta da Sotheby’s a Londra, una tela con la sua celeberrima Girl with balloon (“Bambina con palloncino”), battuta per oltre un milione di euro (per la precisione 1.042.000 sterline, l’equivalente di 1 milione e 180mila euro), si è infatti autodistrutta appena dopo che il banditore aveva annunciato l’aggiudicazione dell’opera. La tela ha cominciato a scendere attraverso una specie di tritadocumenti, finendo a brandelli.

Grande la sorpresa degli astanti, com’è possibile vedere dai numerosi video diffusi sul web. Non si sa chi abbia azionato il meccanismo che ha portato l’opera all’autodistruzione: c’è anche chi ipotizza che nascosto tra il pubblico ci fosse lo stesso Banksy. Com’è noto, la sua identità è tuttora ignota: c’è chi ha ipotizzato che dietro l’ormai famosissimo pseudonimo si celi il musicista Robert Del Naja, ma ovviamente non ci sono conferme. Lui stesso, sul suo account Instagram, ha spiegato di aver installato, nella cornice del dipinto, un dispositivo capace di distruggerlo qualora fosse finito all’asta: tuttavia non è dato sapere come abbia funzionato.

In sostanza, il dipinto è stato fatto a strisce per più di metà (prima che in sala lo staccassero dalla parete). Del resto, come ha scritto Banksy stesso citando Picasso, “la necessità di distruggere è anch’essa una necessità creativa”. E ora è scontato immaginare che il “tagliuzzamento” dell’opera abbia considerevolmente aumentato il suo valore, malgrado, in linea teorica, l’acquirente potrebbe non onorare l’acquisto, come da prassi se un’opera subisce danni mentre è ancora nelle disponibilità della casa d’aste. Sta comunque di fatto che non s’era mai visto qualcosa del genere prima d’ora: “siamo stati... banksyzzati”, ha dichiarato Alex Branczik, senior director dell’arte contemporanea di Sotheby’s. “Non abbiamo mai sperimentato una situazione simile in passato, una situazione in cui un dipinto è stato distrutto dopo aver quasi fatto segnare il record dell’artista. Adesso stiamo cercando di capire cosa significhi nel contesto di un’asta”.

Sorprendente Banksy: una sua opera viene venduta in asta per 1 milione di euro e poi si autodistrugge
Sorprendente Banksy: una sua opera viene venduta in asta per 1 milione di euro e poi si autodistrugge


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER