Bologna, le parole di Ezio Bosso illuminano via Petroni


Via Petroni, una delle strade più famose della zona universitaria di Bologna, omaggia il grande musicista, compositore e direttore d’orchestra Ezio Bosso, scomparso lo scorso maggio.

Le parole di Ezio Bosso illuminano via Petroni a Bologna, una delle strade più famose della zona universitaria

La musica ci insegna la cosa più importante che esista: ascoltare: queste le parole con cui la città ha voluto omaggiare il grande musicista, compositore e direttore d’orchestra scomparso quest’anno nel mese di maggio proprio a Bologna. La frase, che si trova a pochi passi dalla casa dove viveva, è accompagnata da note musicali e da una chiave di violino.  

L’iniziativa è stata curata da Fondazione Rusconi, che negli ultimi anni si è occupata delle luminarie della zona universitaria e quest’anno ha deciso di ricordare Ezio Bosso perché “è stato parte di questa città, mettendo a disposizione la sua sensibilità e la sua visione della musica e della vita”. 

La musica aveva un enorme valore per il celebre direttore d’orchestra, che nonostante la malattia non si è mai fermato: “La musica è una necessità, come respirare, come l’acqua. Questa è una delle cose a cui pensare tutti insieme, e la necessità di darla a tutti è la necessità di un musicista: distribuirla e far star bene” diceva. “Il potere magico della musica è infinito grazie a quella partitura, perché ci rende tutti uguali, perché ci rende tutti un’unica società che lavora per essere migliori, perché ci dà speranza e perché ci rende umani per davvero, fuori da tutti i solipsismi dei social e questo nostro guardare sempre e soltanto a grida e strilli. No, la musica sussurra e ci svela la vita”. 

 

Bologna, le parole di Ezio Bosso illuminano via Petroni
Bologna, le parole di Ezio Bosso illuminano via Petroni


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Barocco     Firenze     Frammenti