Bonisoli: “ho chiesto un concorso per 4.377 posti nei prossimi tre anni”


Il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, annuncia di aver chiesto al Ministero della Funzione Pubblica un concorso da 4.377 posti  nei prossimi tre anni.

Il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, ha inoltrato una richiesta formale al Ministero della Funzione Pubblica per bandire, nel corso del triennio 2019-2021, un concorso per l’assunzione di 4.377 nuove unità, di cui 2.943 inquadrate in area II e 1.434 in area III. Lo ha annunciato oggi nel corso del Question Time al Senato. “Ho già avuto modo di affrontare questo argomento nel corso della mia audizione sulle linee programmatiche del Ministero, tenutasi presso le Commissioni cultura di Camera e Senato in seduta congiunta”, ha spiegato Bonisoli: il Mibac registra una lacuna d’organico di 3.260 unità, di cui 23 dirigenti. E il deficit, calcolano i funzionari ministeriali, salirà a 4.431 (di cui 39 dirigenti) fino al 2021: per arginare questa emorragia di lavoratori è ncessario un nuovo concorso.

Il ministro ha ancche ricordato che sono già state avviate procedure urgenti “volte al reclutamento di personale dirigenziale. In particolare, nel mese di luglio, abbiamo richiesto al Ministero della Funzione Pubblica l’autorizzazione a bandire un concorso per la selezione di 5 dirigenti architetti e 4 dirigenti archeologi. Nel mese di agosto il Ministero ha inoltre chiesto di essere autorizzato a bandire concorsi per selezionare in totale 17 dirigenti tecnici (archivisti e amministrativi) e ad assumerne altri 9 (storici dell’arte) con scorrimento della graduatoria. Nella stessa ottica, abbiamo sottoscritto a luglio con le organizzazioni sindacali un accordo per l’espletamento di un concorso interno per il passaggio di aree del personale in servizio”. In conclusione, il ministro ha dichiarato: “è mia intenzione, al momento di indire i concorsi, individuare un ordine di priorità dei profili ritenuti più urgenti, sulla base delle indicazioni che ho raccolto in particolare dalle Soprintendenze, anche in una recente riunione svolta al Ministero con la presenza di tutti i Soprintendenti”.

L’annuncio di oggi segue dunque le precedenti uscite del ministro sul tema: a metà luglio, durante un Question Time alla Camera dei Deputati, aveva detto di ritenere necessario un concorso da 6.000 posti, mentre in agosto, in audizione alla Commissione Cultura, aveva manifestato la volontà di lanciare un concorso da 2.000 posti per il 2019.

Bonisoli: “ho chiesto un concorso per 4.377 posti nei prossimi tre anni”
Bonisoli: “ho chiesto un concorso per 4.377 posti nei prossimi tre anni”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER