La Cappella degli Scrovegni fa il boom di visitatori


Dal 2008 al 2018 aumento di visitatori pari al 43,2 % e quest’anno la Cappella degli Scrovegni potrebbe chiudere con 320mila presenze.

Andrea Colasio, assessore alla Cultura del Comune di Padova, ha dichiarato che la Cappella degli Scrovegni, nell’arco di dieci anni, dal 2008 al 2018 ha ottenuto un aumento di visitatori pari al 43,2 %: da 215.308 a 308.419.
Nei primi sei mesi di quest’anno inoltre sono stati 171.471 i visitatori che hanno ammirato il celebre capolavoro di Giotto, con aumento del 3,35 % rispetto allo stesso periodo del 2018. 

Secondo l’assessore, la Cappella degli Scrovegni potrebbe chiudere l’anno con 320mila presenze. Ed ha aggiunto: “Ci sono le condizioni per far sì che il sistema culturale di Padova possa attrarre nei prossimi dieci anni oltre un milione persone”.

Tutte le sedi del sistema museale civico e numerose mostre sarannno visitabili anche nella giornata di Ferragosto. “Assicurare l’apertura dei luoghi d’arte cittadini durante le vacanze e nei giorni di festa è fondamentale in una città sempre più turistica come la nostra, che negli ultimi anni ha registrato un boom di presenze turistiche. Questo incremento è frutto delle politiche messe in campo per accrescere la capacità attrattiva della nostra città, con la valorizzazione del suo vasto patrimonio culturale e la realizzazione di mostre di qualità, come quella che celebra Federico Fellini ai Musei Civici o quella dedicata al grande architetto Aldo Rossi a Palazzo della Ragione” ha concluso Colasio.

La Cappella degli Scrovegni fa il boom di visitatori
La Cappella degli Scrovegni fa il boom di visitatori


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER