Palazzo Barberini, i capolavori di Caravaggio digitalizzati in altissima definizione


Acquisizione in altissima definizione per due capolavori di Caravaggio e per il Narciso della Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini. 

Digitalizzazione ad altissima definizione in gigapixel per tre importanti opere delle Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma, in occasione dell’anniversario numero 450 della nascita di Caravaggio, che vedeva la luce a Milano nel 1571. In particolare, verranno effettuate le riproduzioni in altissima definizione di due capolavori del lombardo, il San Giovanni Battista e il San Francesco in meditazione, oltre al celebre Narciso, la cui attribuzione al grande artista è però oggi molto dibattuta: le opere entreranno a far parte della collezione virtuale di Haltadefinizione, che si occuperà della loro acquisizione in gigapixel, per dare a tutti la possibilità di osservare gratuitamente nei minimi dettagli le opere d’arte custodite nei musei italiani, in un momento segnato ancora dall’incertezza sulla riapertura dei luoghi della cultura.

I tre capolavori andranno ad arricchire la selezione di opere di Caravaggio già presente sul sito di Haltadefinizione: oltre a Giuditta e Oloferne, anch’esso custodito a Palazzo Barberini, sono infatti presenti altri capolavori conservati alla Galleria Borghese a Roma, alla Pinacoteca di Brera e alla Galleria degli Uffizi.

“La digitalizzazione con tecnologia gigapixel o gigapixel+3D”, spiega Luca Ponzio, fondatore di Haltadefinizione, “permette ai musei di raggiungere diversi obiettivi: da un lato è funzionale al monitoraggio dello stato di conservazione dei dipinti e alle finalità di studio e ricerca, dall’altro aumenta gli scenari di valorizzazione, permettendo, ad esempio, alla collettività di accedere alla visione dei capolavori anche a distanza in forma digitale. A tal proposito, nel 2019 Haltadefinizione ha siglato un accordo per la valorizzazione e promozione delle collezioni statali con il Ministero per beni e le attività culturali e per il turismo. Le tecnologie di acquisizione e di restituzione digitale possono essere applicate a qualsiasi tipologia di oggetto culturale: dipinti, affreschi, manoscritti, statue. Definizione, qualità e dettaglio, un modo per fruire dell’arte e svelare aspetti inediti e sorprendenti attraverso il gigapixel, una tecnologia che si presta a usi multidisciplinari e supporta la ricerca e lo studio dell’artista, della tecnica pittorica, e al giorno d’oggi è uno strumento indispensabile per l’insegnamento in aula o a distanza”.

Palazzo Barberini, i capolavori di Caravaggio digitalizzati in altissima definizione
Palazzo Barberini, i capolavori di Caravaggio digitalizzati in altissima definizione


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma