Allagati gli scantinati del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria: oggi museo chiuso per motivi di sicurezza


Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è stato chiuso oggi per motivi di sicurezza a seguito del temporale che si è abbattuto sulla città. 

Nella giornata di oggi, 23 agosto, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è chiuso al pubblico per ragioni di sicurezza a seguito dell’allagamento degli scantinati del museo causato dal violento temporale che ha colpito ieri la città.

Il direttore Carmelo Malacrino ha dichiarato: “Con gli archeologi e i restauratori che operano al Museo stiamo lavorando nei depositi alla verifica dello stato conservativo delle collezioni. Abbiamo affrontato ieri una situazione assolutamente imprevedibile. Ho seguito personalmente tutte le operazioni, coadiuvato dal personale che si è reso disponibile con grande sensibilità e spirito di servizio. Ringrazio profondamente tutti quelli che si sono adoperati in questo momento di particolare complessità, e in particolare i Vigili del Fuoco, intervenuti con due diverse squadre. Ringrazio anche le Forze dell’Ordine e la Prefettura per il sostegno e l’attenzione sulle criticità del Museo”.

La parte dell’edificio più colpita è stata quella più bassa e fortunatamente non sono stati coinvolti i livelli espositivi e la sala dei Bronzi.

Ph.Credit

 

 

 

Allagati gli scantinati del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria: oggi museo chiuso per motivi di sicurezza
Allagati gli scantinati del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria: oggi museo chiuso per motivi di sicurezza


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER