Ecco la classifica dei Luoghi del Cuore FAI: al primo posto la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza


Annunciata la classifica definitiva del decimo censimento de I Luoghi del Cuore del FAI. Straordinaria partecipazione nell’anno della pandemia. 

Annunciata la classifica definitiva del decimo censimento de I Luoghi del Cuore del FAI - Fondo Ambiente Italiano, storica iniziativa promossa in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Si è registrata una grande partecipazione, straordinaria nell’anno segnato dalla pandemia: ben 2.353.932 sono stati i voti raccolti, il miglior risultato di sempre, dimostrando l’amore e l’attenzione verso il patrimonio culturale e ambientale italiano, con oltre 39.500 luoghi segnalati in 6.504 Comuni d’Italia (l’82,3% del totale).

Al primo posto la ferrovia storica Cuneo-Ventimiglia-Nizza (75.586 voti), al secondo posto il Castello e Parco di Sammezzano (62690 voti), al terzo posto il Castello di Brescia (43469 voti); seguono La via delle Collegiate a Modica (40521 voti), l’Ospedale e la chiesa di Ignazio Gardella di Alessandria (30391 voti), la Chiesa rupestre di San Nicolò inferiore di Modica (30226 voti), il Ponte acquedotto di Gravina in Puglia (25726 voti), la Chiesa di San Michele Arcangelo di Pegazzano - La Spezia (25412 voti), l’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone di Sulmona (22442 voti), il Museo dei Misteri di Campobasso (21988 voti). Questi i primi dieci classificati. 

La Ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza è stata pensata e realizzata quasi due secoli fa; corre per oltre cento chilometri lungo la pianura piemontese, le coste della Liguria di ponente e della Costa Azzurra francese. Nonostante i notevoli investimenti per la sua messa in sicurezza, è mancata una vera politica di rilancio, provocando quindi un inevitabile declino con una drastica riduzione delle corse (attualmente due al giorno) e una minaccia di chiusura. Nel 2016 è stata inserita dalla rivista tedesca Hörzu tra le dieci linee ferroviarie più belle del mondo.

Il Castello di Sammezzano si trova a Leccio, frazione del Comune di Reggello ed è circondato da un grande parco. Si tratta di un edificio unico in stile eclettico: fu il marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona a realizzare il suo aspetto attuale, con un lavoro durato oltre quarant’anni. Dal 1970 al 1990 il Castello fu utilizzato come ristorante e hotel. L’allora proprietà però fallì e nel 1999 la tenuta venne acquisita dalla “Sammezzano Castle srl”; tuttavia nessun progetto di recupero venne mai realizzato e solo alla fine del 2019, dopo complesse vicende, la stessa società ne è tornata in pieno possesso. Nel periodo 2012/2016, con il consenso della proprietà, veniva aperto al pubblico a cura del “Comitato Sammezzano - F.P.X.A.” composto in gran parte da volontari del luogo. Grazie alle donazioni ricevute dai visitatori, il Comune di Reggello ha potuto restaurare il sepolcreto della famiglia che si trova nel vicino cimitero di Sociana. Nello stesso tempo, grazie alle visite e all’attività di sensibilizzazione intrapresa dal movimento civico "Save Sammezzano” (oltre che di tantissimi cittadini), la fama del castello è cresciuta a dismisura. Il castello è stato utilizzato anche per spot e film, tra cui Il racconto dei racconti del regista Matteo Garrone. Da ottobre 2016 non sono state più autorizzate visite per cause relative alla proprietà. Dal punto di vista strutturale il castello presenta segni evidenti di degrado e anche il parco risulta gravemente danneggiato. Gli interventi di messa in sicurezza diventano ogni giorno più urgenti.

Sulle pendici del colle Cidneo, il Castello di Brescia è un complesso molto vasto e articolato, ricco di testimonianze architettoniche che documentano l’antica funzione difensiva del colle, il suo legame con le origini della città e il passaggio delle diverse dominazioni. Il Mastio ospita il Civico Museo delle Armi Luigi Marzoli, con più di mille pezzi che danno una significativa campionatura della produzione armiera milanese e bresciana dei secoli XV-XVIII. All’interno sono inoltre visibili i resti delle fondamenta del tempio romano.

Immagine: La ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza Ph.Credit Federico Santagati

Ecco la classifica dei Luoghi del Cuore FAI: al primo posto la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza
Ecco la classifica dei Luoghi del Cuore FAI: al primo posto la ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma