La vita di Peggy e le sue collezioni raccontate sui social. Prosegue la mission del museo


La The Peggy Guggenheim Collection prosegue la sua mission sui social: approfondimenti, presentazioni virtuali e quiz artistici per raccontare Peggy e le sue collezioni.

L’arte e la bellezza non devono fermarsi. Ne è convinta anche la Collezione Peggy Guggenheim, che nonostante sia chiusa fino al 3 aprile in base a quanto stabilito dal DPCM dell’8 marzo, non si ferma, e prosegue sui canali social la sua mission: educare e diffondere i propri contenuti e la propria storia a tutti.

Sui suoi profili Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn vengono proposte presentazioni virtuali dedicate alla vita di Peggy Guggenheim e ad alcuni capolavori della sua collezione. Lo staff e i tirocinanti del museo avranno il compito di restituire, attraverso immagini sempre originali e creative, il loro punto di vista sulla Collezione. E non mancheranno brevi approfondimenti su aspetti meno noti delle opere esposte, nonché sull’esposizione temporanea Migrating Objects. Per fare partecipare direttamente il pubblico da casa e per divertirsi insieme, verranno proposti inoltre Art Quiz che metteranno alla prova gli spettatori sulle loro conoscenze relative alla collezione. 

 Attraverso gli hashtag #Iorestoacasa e #larteresiste, la Collezione Peggy Guggenheim porta l’arte nelle case, con il desiderio di tornare al più presto alla normalità e riaprire le sue porte. 

Photo: Nava Rizvi e Rogerio Victor Satil 

 

 

La vita di Peggy e le sue collezioni raccontate sui social. Prosegue la mission del museo
La vita di Peggy e le sue collezioni raccontate sui social. Prosegue la mission del museo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma