La vita di Peggy e le sue collezioni raccontate sui social. Prosegue la mission del museo


La The Peggy Guggenheim Collection prosegue la sua mission sui social: approfondimenti, presentazioni virtuali e quiz artistici per raccontare Peggy e le sue collezioni.

L’arte e la bellezza non devono fermarsi. Ne è convinta anche la Collezione Peggy Guggenheim, che nonostante sia chiusa fino al 3 aprile in base a quanto stabilito dal DPCM dell’8 marzo, non si ferma, e prosegue sui canali social la sua mission: educare e diffondere i propri contenuti e la propria storia a tutti.

Sui suoi profili Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn vengono proposte presentazioni virtuali dedicate alla vita di Peggy Guggenheim e ad alcuni capolavori della sua collezione. Lo staff e i tirocinanti del museo avranno il compito di restituire, attraverso immagini sempre originali e creative, il loro punto di vista sulla Collezione. E non mancheranno brevi approfondimenti su aspetti meno noti delle opere esposte, nonché sull’esposizione temporanea Migrating Objects. Per fare partecipare direttamente il pubblico da casa e per divertirsi insieme, verranno proposti inoltre Art Quiz che metteranno alla prova gli spettatori sulle loro conoscenze relative alla collezione. 

 Attraverso gli hashtag #Iorestoacasa e #larteresiste, la Collezione Peggy Guggenheim porta l’arte nelle case, con il desiderio di tornare al più presto alla normalità e riaprire le sue porte. 

Photo: Nava Rizvi e Rogerio Victor Satil 

 

 

La vita di Peggy e le sue collezioni raccontate sui social. Prosegue la mission del museo
La vita di Peggy e le sue collezioni raccontate sui social. Prosegue la mission del museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER