Il concorsone per gli assistenti dei musei del Ministero ripartirà a luglio


Ripartirà a luglio il concorsone per i 1.052 assistenti alla fruizione, accoglienza e vigilanza (AFAV). Lo ha detto il presidente di Formez, Alberto Bonisoli.

Finalmente gli oltre ottomila candidati a diventare assistenti alla fruizione, accoglienza e vigilanza del Ministero della Cultura possono vedere una luce in fondo al tunnel: il presidente di Formez, Alberto Bonisoli, ha infatti comunicato che il concorsone da 1.052 AFAV del Ministero della Cultura riprenderà a luglio. Al momento però non si hanno ancora date precise: c’è comunque un periodo per il quale gli 8.416 aspiranti AFAV possono tenersi pronti.

“Lo stiamo programmando per il mese di luglio, probabilmente per la prima parte”, ha detto Bonisoli. “Non abbiamo ancora le date precise però questi sono i periodi su cui stiamo lavorando. Non appena avremo le date precise e le sedi ve lo comunicheremo quanto prima”. Il presidente di Formez ha poi spiegato perché ci è voluto tanto tempo: “Il Formez, per lavorare, ha bisogno di tre elementi: le norme, le forniture (dalle sedie al protocollo Covid alla tecnologia), e raggiungere un accordo con le amministrazioni committenti, le quali sono le vere proprietarie delle procedure in quanto decidono quali profili vogliono, le modalità con cui vogliono fare la selezione, e così via. Grazie a questa collaborazione noi siamo in grado di portare a termine un concorso”.

Il concorsone per gli assistenti dei musei del Ministero ripartirà a luglio
Il concorsone per gli assistenti dei musei del Ministero ripartirà a luglio


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma