Un nome per il nuovo blu


Nel 2009 è stata scoperta una nuova tonalità di blu da uno studente dell’Università dell’Oregon: il YInMn Blue. Ora indetto un concorso per darle un nome.

Dare il nome a un nuovo colore non è cosa così usuale: è quello che potranno fare tutti i bambini britannici e americani attraverso un concorso che chiuderà il 2 giugno.

Si tratta di una nuova tonalità di blu, molto intensa e luminosa, scoperta accidentalmente nel 2009 da uno studente dell’Università dell’Oregon mentre stava studiando come ottenere una fibra ad alta conducibilità elettrica. Mescolando ossidi di ittrio, indio e manganese e mettendo il composto in forno, lo studente ha ottenuto una poltiglia avente un colore blu mai visto prima; il suo professore Mas Subramanian ha compreso subito che si poteva trattare di una nuova scoperta. 

Oggi la nuova tonalità di blu è stata riconosciuta ufficialmente, ma è priva di un nome. 

Per identuficarla è stata utilizzata la denominazione YInMn Blue derivata dai suoi componenti chimici, ma con il concorso indetto presto si troverà un nome adatto al nuovo blu.

Si pensi che l’ultima tonalità di blu venne scoperta nel 1802 dal chimico francese Louis Jacques Thénard: il blu cobalto.

Fonte: La stampa

 

Un nome per il nuovo blu
Un nome per il nuovo blu


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Firenze: trovata necropoli romana durante i lavori per la tramvia
Firenze: trovata necropoli romana durante i lavori per la tramvia
Entro il 7 maggio le mani di Quinn lasceranno definitivamente Ca' Sagredo
Entro il 7 maggio le mani di Quinn lasceranno definitivamente Ca' Sagredo
Addio a Ermanno Olmi, scompare a 86 anni il grande regista
Addio a Ermanno Olmi, scompare a 86 anni il grande regista
Addio a Per Kirkeby
Addio a Per Kirkeby
L'arte della pizza napoletana entra a far parte del patrimonio UNESCO
L'arte della pizza napoletana entra a far parte del patrimonio UNESCO
Il Museo Egizio di Torino e il Comune di Catania firmano un protocollo d'intesa
Il Museo Egizio di Torino e il Comune di Catania firmano un protocollo d'intesa