MiBACT, nel 2020 calo del 75% di visitatori nei musei statali


Secondo i dati dell’Ufficio statistico del MiBACT, nel 2020 si è verificato un calo del 75% di visitatori nei musei statali rispetto al 2019. 

L’Ufficio statistico del MiBACT ha rivelato in un’inchiesta che Famiglia Cristiana ha dedicato alla riapertura di mostre e musei avvenuta grazie al passaggio in zona gialla di molte regioni che nel 2020 si è verificato un calo del 75% dei visitatori nei musei statali rispetto all’anno precedente, causando inoltre una forte perdita negli incassi: 60 milioni nel 2020 rispetto ai 240 milioni di euro raggiunti nel 2019. 

In particolare il Parco Archeologico di Pompei ha registrato un calo dell’85%, il Colosseo dell’80%, il Museo Archeologico di Reggio Calabria del 75%, il Museo Egizio di Torino e le Gallerie degli Uffizi del 70%, le Gallerie dell’Accademia di Venezia del 68%. 

“Per superare questa crisi” ha dichiarato il direttore generale dei musei statali Massimo Osanna, “è necessario che i luoghi della cultura ripensino la loro funzione, trasformandosi in centri aperti alla comunità per molteplici attività”. “I musei devono diventare sempre più attraenti per chi vive nel territorio circostante” prosegue, “devono essere luoghi aperti, in cui si va per ammirare un capolavoro, ma anche per incontrare altre persone o partecipare a un evento”. Le risorse del Recovery plan “andranno spese bene” conclude, “sia nei grandi centri, sia nei piccoli borghi, luoghi dell’identità locale da preservare a tutti i costi”. 

 

MiBACT, nel 2020 calo del 75% di visitatori nei musei statali
MiBACT, nel 2020 calo del 75% di visitatori nei musei statali


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma