Dichiarati di notevole interesse pubblico la Valle del Guerro e i Luoghi Bacchelliani


La zona della Valle del Guerro e i Luoghi Bacchelliani sono stati dichiarati di notevole interesse pubblico. Le dichiarazioni sulla Gazzetta Ufficiale.

Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale le dichiarazioni di notevole interesse pubblico della "Zona della Valle del Guerro tra le località Ca’ di Sola e Castelvetro" nel Comune di Castelvetro di Modena e dei Luoghi Bacchelliani, ovvero delle aree fluviali e agricole nel Comune di Ro Ferrarese.

Quest’ultima area è stata dichiarata d’interesse pubblico in quanto "oltre a presentare inalterate le caratteristiche tipiche dell’ambiente fluviale costituito da zone golenali, rive ed argini, campi in parte coltivati a pioppeto, si contraddistinguono per i legami storico-letterari con l’opera narrativa dello scrittore Riccardo Bacchelli che ambientò il suo capolavoro ’Il Mulino del Po’ appunto in tale territorio, legami che appaiono testimoniati oltre che dalle emergenze architettoniche significative anche dalla presenza di vecchie costruzioni rurali e dai grandi casali sparsi per la campagna".

Per quanto riguarda invece la Valle del Guerro, si legge che “la suggestiva prospettiva verso il nucleo antico di Castelvetro appare meritevole di speciale tutela così che risulti per quanto possibile salvaguardata la sua caratteristica di forte emergenza nel paesaggio agrario e di fulcro paesistico dell’intera zona”.

Ph.Credit: Veduta di Castelvetro di Modena

 

Dichiarati di notevole interesse pubblico la Valle del Guerro e i Luoghi Bacchelliani
Dichiarati di notevole interesse pubblico la Valle del Guerro e i Luoghi Bacchelliani


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER