Il Direttore dell'Arte Contemporanea dell'Ermitage lascia la Russia: “l'esodo è l'unica via d'uscita”


Dimitri Ozerkov, direttore dell’Arte Contemporanea dell’Ermitage, e figura tra le più importanti della scena artistica russa, lascia il paese: “in Russia dialogo e rispetto hanno smesso di significare qualcosa, è una vergogna e mi sento in colpa”.

Lo storico dell’arte russo Dimitri Ozerkov, dal 2007 direttore del Dipartimento di Arte Contemporanea dell’Ermitage di San Pietroburgo e responsabile della collezione di stampe del museo, incarico che ha mantenuto fino a poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina, ha fatto sapere di aver lasciato la Russia. Ozerkov è una delle figure di spicco dell’arte russa: a capo del progetto Hermitage 20/21 per l’arte contemporanea all’Ermitage, nel 2011 e il 2015 ha lavorato per i progetti del suo museo legati alla Biennale di Venezia, ha curato oltre 40 mostre, ha insegnato all’Università Europea di San Pietroburgo.

Ozerkov ha motivato le sue decisioni con un post su Instagram in cui ha fatto sapere di non collaborare più con l’Ermitage dall’inizio di marzo, periodo a partire dal quale ha rassegnato le proprie dimissioni e ha deciso di non partecipare più alle attività del museo. “Me ne sono andato”, ha detto Ozerkov, “perché non ho intenzione di avere niente in comune con la Russia di oggi. Nel 2006, quando il Dipartimento Arte Contemporanea è stato ideato e ha iniziato ad essere realizzato dal direttore generale, è stato visto come una nuova parte integrante del museo, in grado di far rivivere la vecchia collezione e darle nuovi vettori di sviluppo e interpretazione, capace di dare all’arte classica un nuovo modo di parlare. È stato un progetto ambizioso e potente che ha influenzato l’immagine e ha plasmato lo status del museo. Si è costruito sul dialogo e sul rispetto reciproco per lingue e paesi, nazionalità e religioni, storia e modernità. Nell’ambito della Manifesta 2014, abbiamo potuto esporre opere di Boris Mikhailov e ritratti russi di Marlene Dumas. Nuove opere di Anselm Kiefer sono state esposte nella Nicholas Hall nel 2017, opere di Jan Fabre sono state esposte in tutto il museo nel 2016”.

“Dopo che la Russia ha inviato le sue truppe in Ucraina”, prosegue Ozerkov, “il dialogo e il rispetto hanno cessato di significare qualcosa in Russia, le notizie sono state sostituite da una propaganda che non dice nulla sulle forze armate russe accusate di numerosi crimini contro la popolazione civile. Come cittadino russo ho visto questa vergogna anche come colpa mia e ho condiviso questa opinione. Poi la mia scelta è stata di smettere di fare qualsiasi cosa nella e per la Russia di oggi”. Ozerkov ha fatto inoltre sapere di aver lasciato tutti gli altri incarichi che ricopriva, incluso quello di consigliere per la cultura della città di San Pietroburgo.

Ozerkov ha concluso salutando: “tutti coloro per i quali la parola greca Exodos, usata dagli autori della Versione dei Settanta, è diventata l’unica via d’uscita possibile dalla situazione attuale. La Russia ha eliminato tutti noi che non volevamo altro che fare del bene alla sua cultura”. Successivamente, Ozerkov ha postato un’immagine di un’imprecisata località nel Medio Oriente, lasciando supporre sia questa la destinazione che ha preso abbandonando il paese.

Il Direttore dell'Arte Contemporanea dell'Ermitage lascia la Russia: “l'esodo è l'unica via d'uscita”
Il Direttore dell'Arte Contemporanea dell'Ermitage lascia la Russia: “l'esodo è l'unica via d'uscita”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Piemonte, rischia demolizione importante edificio degli Architetti Associati. Mobilitazione per salvarlo
Piemonte, rischia demolizione importante edificio degli Architetti Associati. Mobilitazione per salvarlo
Australia, realizza murale con abbraccio tra soldato russo e ucraino. “Offensivo”, lo cancella
Australia, realizza murale con abbraccio tra soldato russo e ucraino. “Offensivo”, lo cancella
Luigi La Rocca guiderà la Direzione generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e la Soprintendenza PNRR
Luigi La Rocca guiderà la Direzione generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e la Soprintendenza PNRR
“La BP sfrutta il British Museum per la sua immagine: il museo smetta di collaborarci”
“La BP sfrutta il British Museum per la sua immagine: il museo smetta di collaborarci”
Sgarbi vuol fare di Ferrara una “città della cultura”: “è una città internazionale”
Sgarbi vuol fare di Ferrara una “città della cultura”: “è una città internazionale”
Bristol (Regno Unito), manifestanti abbattono monumento di un mercante di schiavi del '600
Bristol (Regno Unito), manifestanti abbattono monumento di un mercante di schiavi del '600