Il Museo Egizio di Torino rende disponibile online la sua collezione di papiri


Visibili online su un’apposita piattaforma oltre 230 papiri della collezione del Museo Egizio di Torino.

Il Museo Egizio di Torino ha reso visibili online su un’apposita piattaforma 238 papiri della sua collezione: 218 manoscritti ieratici, 10 papiri con geroglifici corsivi e 10 documenti in greco demotico. 

Un database online dove è possibile vedere immagini di papiri custoditi nei depositi del museo egizio; il numero dei papiri e dei documenti inseriti nel database sarà in continuo aggiornamento. Attualmente solo una selezione della collezione è disponibile sul sito, mentre gli utenti registrati avranno accesso all’intera collezione dei papiri ieratici del periodo ramesside, eccetto ai più piccoli frammenti.

La piattaforma è pensata sia per gli addetti ai lavori che per tutti coloro che desiderano cercare informazioni sui papiri e prevede, proprio per questa ragione, contenuti narrativi per non specialisti e focus storici.
Al momento il sito è in lingua inglese, ma sono incluse traduzione in molte lingue dei testi scritti sui papiri; a breve sarà disponibile anche una versione italiana del sito.

In totale la collezione dei papiri custodita nel Museo Egizio di Torino comprende circa 700 manoscritti interi e circa 17000 frammenti, testimonianze di oltre 3000 anni di cultura scritta. 

Grande soddisfazione per Turin Payrus Online Platform da parte del direttore del museo, Christian Greco.

Il Museo Egizio di Torino rende disponibile online la sua collezione di papiri
Il Museo Egizio di Torino rende disponibile online la sua collezione di papiri


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER