Donate due opere di Marco Ricci al Comune di Venezia


Due quadri a tempera su pelle di capretto di Marco Ricci (Belluno, 1676 - Venezia, 1730), “Tempesta” e "Burrasca notturna”, sono stati donati al Comune di Venezia da Giuseppe Scalabrino, insieme ad alcuni volumi di storia e arte veneziana. “Questa donazione" ha commentato  la presidente del Consiglio comunale Ermelinda Damiano "è un atto d’amore e di generosità per Venezia. Un omaggio che arricchisce ulteriormente l’inestimabile patrimonio della nostra città custodito nei Musei Civici veneziani. Una donazione ancora più gradita per la sua unicità, visto che nelle collezioni museali della Fondazione mancavano, fino ad oggi, tempere su pelle di capretto del paesaggista Marco Ricci".

Le due opere saranno conservate dalla Fondazione Musei Civici di Venezia ed esposte nel Museo del Settecento veneziano Ca’ Rezzonico. Marco Ricci, nato a Belluno nel 1676, iniziò la sua formazione artistica a Venezia dallo zio, il più noto Sebastiano Ricci, realizzando opere di soggetto storico o religioso e approfondì i temi paesaggistici alla fine del ’600 in seguito ad un viaggio compiuto a Roma. Fuggito da Venezia per una rissa conclusasi con un omicidio, vi rientrò nei primi anni del Settecento e divenne fedele collaboratore dello zio Sebastiano.

Completarono la sua formazione i suoi soggiorni a Londra ed i suoi viaggi in Olanda, che gli permisero di ammirare le opere dei massimi pittori olandesi e fiamminghi del Seicento. Ricci morì il 21 gennaio 1730 a Venezia.

Donate due opere di Marco Ricci al Comune di Venezia
Donate due opere di Marco Ricci al Comune di Venezia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER