Eike Schmidt nominato presidente del nuovo cda del Fondo Edifici di Culto


Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, è stato nominato presidente del nuovo cda del Fondo Edifici di Culto (FEC).

Presidente del nuovo cda del Fondo Edifici di Culto (FEC) è stato nominato il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt. Il cda si è insediato il 7 ottobre e rimarrà in carica per il quadriennio 2019-2022; l’organo collegiale è composto dal direttore centrale per l’amministrazione del Fondo Edifici di Culto, Angelo Carbone, dall’avvocato Biancamaria D’Agostino, dal dottor Pietro Di Natale, dalla dottoressa Lucia Foti, dall’architetto Federica Galloni, da don Renato Tarantelli Baccari, dal professor Andrea Bettetini e dall’avvocato Marcello Volpe.

Il capo del dipartimento ha sottolineato l’importanza della gestione di un vasto patrimonio composto da oltre 830 chiese, moltissime di inestimabile valore storico e artistico; è necessaria un’attenta opera di conservazione, restauro, salvaguardia e valorizzazione per riaffermare valori religiosi, storici e culturali. 

“Sono onorato di poter contribuire con la mia esperienza all’importante lavoro svolto dal Fondo Edifici di Culto, un organismo fondamentale dello Stato che nel segno dell’arte, dell’architettura, della storia e della cultura unisce nel suo tessuto più profondo l’Italia secolare con quella spirituale” ha commentato il neo-presidente Schmidt.

L’incarico di Eike Schmidt sarà svolto a titolo gratuito.

Eike Schmidt nominato presidente del nuovo cda del Fondo Edifici di Culto
Eike Schmidt nominato presidente del nuovo cda del Fondo Edifici di Culto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER