Firenze: ingresso gratuito al Battistero per i residenti della provincia


Da lunedì 8 gennaio il Battistero di Firenze sarà visitabile gratuitamente dai fiorentini e dagli abitanti della provincia di Firenze.

A partire da Lunedì 8 Gennaio, l’ingresso al Battistero di Firenze sarà gratuito per i fiorentini e per tutti i residenti della provincia di Firenze. Lo ha comunicato il presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Luca Bagnoli, in conclusione del discorso tenuto in occasione della Cavalcata dei Magi.

"In accordo con l’arcivescovo cardinale Giuseppe Betori“ ha spiegato Bagnoli ”l’Opera di Santa Maria del Fiore ha deciso di rendere accessibile anche questo luogo di culto, oltre alla Cattedrale, ai fiorentini e a tutti i residenti della provincia. L’obiettivo dell’Opera è di essere un’istituzione sempre più vicina alle esigenze delle persone e della città".

Per entrare gratuitamente, basterà presentarsi all’ingresso del Battistero e mostrare un documento di identità che attesti la residenza a Firenze o in provincia. Fino ad oggi era possibile accedere gratuitamente in Battistero solo durante le sante messe, mentre per il resto del tempo occorreva essere muniti del biglietto di ingresso, che permette la visita anche alla Cupola, al Campanile di Giotto, alla Cripta di Santa Reparata e al Museo dell’Opera del Duomo.

Foto credit Wikipedia

Firenze: ingresso gratuito al Battistero per i residenti della provincia
Firenze: ingresso gratuito al Battistero per i residenti della provincia


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER