Franceschini vuole accelerare la ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma del 2016


Il ministro Franceschini vuole accelerare la ricostruzione delle aree colpite dal sisma del 2016. Lo ha dichiarato in una sua visita a Norcia.

Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini intende accelerare la ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma del 2016. Lo ha dichiarato a margine di una sua visita a Norcia, la città più colpita dalla scossa del 30 ottobre, nel terzo anno dopo l’evento. “Sulla ricostruzione”, ha dichiarato il ministro, “è stato fatto un lavoro silenzioso straordinario da centinaia di tecnici, restauratori e volontari che sono intervenuti fin dalle prime ore. Un lavoro di dimensioni ciclopiche, importante e positivo. Naturalmente va fatto molto di più e recuperare i ritardi dove ci sono stati”.

“Il lavoro da affrontare è ancora molto lungo”, ha aggiunto: “non dimentichiamo che sono state colpite oltre 4 mila chiese e più di mille palazzi vincolati”. Franceschini ha poi rimarcato la necessità di andare verso un testo di legge che possa essere utile per affrontare le emergenze che ciclicamente si presentano nel paese, in particolar modo quelle legate alle calamità naturali. “Non è possibile”, ha concluso il ministro, “che ogni qualvolta che accade una calamità naturale nelle prime ore riparte il dibattito su come intervenire: c’è un’efficienza consolidata del sistema di protezione civile per la prima emergenza ma non c’è una legge quadro per la ricostruzione dopo il terremoto. Tutta l’esperienza fatta qua deve servire per il futuro”.

Franceschini vuole accelerare la ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma del 2016
Franceschini vuole accelerare la ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma del 2016


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER