“Le mascherine lasciano liberi gli occhi”. Così Franceschini riapre la grande mostra su Raffaello


Riaperta ieri la grande mostra dedicata a Raffaello alle Scuderie del Quirinale e il primo giorno è già stato sold out. 

Ha riaperto ieri al pubblico la grande mostra dedicata a Raffaello allestita presso le Scuderie del Quirinale e il primo giorno di apertura è stato sold out. Sono già stati venduti 22mila biglietti con richieste provenienti da tutta Europa.

Ad accogliere i primi visitatori giunti in occasione della riapertura di Raffaello 1520-1483 è stato il ministro del MiBACT Dario Franceschini, insieme al Presidente delle Scuderie del Quirinale Mario De Simoni, al passaggio delle Frecce Tricolori

“La parte difficile dell’emergenza è superata, adesso si tratta di essere prudenti, di rispettare le regole, ma l’Italia può ripartire guardando alla sua forza che è l’arte, la bellezza, la storia” ha dichiarato il ministro. "L’Italia è il paese più bello del mondo, gli italiani questa estate potranno scoprire o riscoprire i borghi, i cammini, la natura, il paesaggio. Riaprire la mostra di Raffaello al passaggio delle Frecce Tricolori è davvero un segno di ripartenza: una grande mostra, che è stata chiusa solo pochi giorni dopo l’inaugurazione, a causa dell’emergenza sanitaria, che tutto il mondo aspettava di poter visitare”. 

“E ricordiamoci che le mascherine lasciano liberi gli occhi” ha scritto Franceschini accompagnando il video di riapertura della mostra, condiviso sulla sua pagina ufficiale Facebook. 

A questo link le nuove modalità di visita della mostra. 

 

“Le mascherine lasciano liberi gli occhi”. Così Franceschini riapre la grande mostra su Raffaello
“Le mascherine lasciano liberi gli occhi”. Così Franceschini riapre la grande mostra su Raffaello


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER