Bologna, rubato dalla Pinacoteca Nazionale importante dipinto trecentesco di Giusto de' Menabuoi


Clamoroso furto alla Pinacoteca Nazionale di Bologna: rubata una preziosa tavoletta di Giusto de’ Menabuoi, risalente al 1363 e raffigurante sant’Ambrogio.

Clamoroso furto alla Pinacoteca Nazionale di Bologna: dalle sale dedicate alla pittura medievale è stato infatti rubato un Sant’Ambrogio di Giusto de’ Menabuoi (Firenze, 1320/30 - Padova, 1390), uno dei principali artisti del Trecento attivi nell’Italia settentrionale. L’opera è collocata nella stessa sala (la numero 3) in cui si trova il celebre Polittico di Bologna di Giotto, risale al 1363 e, stando alle ipotesi di Roberto Longhi, anticamente faceva parte di un polittico il cui scomparto centrale era costituito dalla Maestà oggi conservata al Museo Nazionale di Palazzo Reale a Pisa. Il polittico, noto anche come polittico di Isotta Terzago (dal nome della committente) fu probabilmente eseguito a Milano, dati i rapporti che lo legano all’arte milanese dell’epoca.

Il furto sarebbe avvenuto ieri, nel pomeriggio, in orario d’apertura: l’allarme è stato dato alle 18:30 e sul posto è intervenuta la Polizia Scientifica, la squadra mobile e una pattuglia di Carabinieri. I poliziotti della scientifica hanno lavorato fino a tarda notte per rilevare le tracce e visionare i video della sorveglianza interna della Pinacoteca.

L’opera era stata donata nel 2003 alla Pinacoteca da Bianca Arcangeli, pittrice e sorella del grande storico dell’arte Francesco: l’opera faceva parte della sua collezione e il valore stimato è di 70.000 euro. Il furto (probabilmente avvenuto su commissione) arriva pochi giorni dopo un altro episodio simile, il furto della Crocifissione e discesa al Limbo del Maestro di Faenza, avvenuto alla Pinacoteca Comunale di Faenza. Molto probabile che i due episodi siano collegati.

Immagine: Giusto de’ Menabuoi, Sant’Ambrogio (1363; tempera su tavola, 29,3 x 19 cm; Bologna, Pinacoteca Nazionale)

Bologna, rubato dalla Pinacoteca Nazionale importante dipinto trecentesco di Giusto de' Menabuoi
Bologna, rubato dalla Pinacoteca Nazionale importante dipinto trecentesco di Giusto de' Menabuoi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Nuova scoperta a Pompei: una domus con un affresco di Priapo
Nuova scoperta a Pompei: una domus con un affresco di Priapo
Uffizi, cede un rivestimento in travertino nei bagni, ferita una visitatrice
Uffizi, cede un rivestimento in travertino nei bagni, ferita una visitatrice
La “Venere e Cupido” di Lucas Cranach il vecchio entra a far parte delle collezioni della National Gallery
La “Venere e Cupido” di Lucas Cranach il vecchio entra a far parte delle collezioni della National Gallery
Chi è Carla Di Francesco, il discusso nuovo Segretario Generale del MiBACT
Chi è Carla Di Francesco, il discusso nuovo Segretario Generale del MiBACT
Sicilia: la prima libreria storica tutelata dalla legge è a Siracusa
Sicilia: la prima libreria storica tutelata dalla legge è a Siracusa
Pioggia torrenziale su Parigi: tracce d'acqua su opere di Poussin
Pioggia torrenziale su Parigi: tracce d'acqua su opere di Poussin