L'Hermitage non avrà la sua succursale a Barcellona. I promotori rinunceranno al progetto


I promotori del Museu Hermitage Barcelona hanno annunciato che rinunceranno al progetto a causa della forte opposizione del Comune. L’Hermitage di San Pietroburgo non avrà quindi la sua succursale catalana. 

Diversamente da quanto era previsto, l’Hermitage di San Pietroburgo non avrà la sua filiale a Barcellona. Progettato dall’architetto giapponese Toyo Ito, tra i più importanti a livello internazionale e premiato con il Premio Prizker nel 2013, l’edificio bianco su più livelli di oltre 13mila metri quadrati avrebbe dovuto essere costruito nell’area del Porto di Barcellona entro il 2024, ma da quanto si apprende da El Pais e dai giornali locali i promotori del Museu Ermitage Barcelona hanno annunciato che rinunceranno al progetto. L’opposizione del Comune allo spazio ha causato la paralisi delle spese fisse sostenute per realizzare l’iniziativa da parte della società Museu Hermitage Barcelona, controllata per l’80% dal fondo di investimento svizzero-lussemburghese Varia e per il rimanente 20% dal fondo Cultural Development Barcelona. Ora tutte le risorse sono concentrate sul processo giudiziario contro il governo municipale: la società ha infatti chiesto al tribunale di annullare la decisione di impedire l’autorizzazione alla costruzione della struttura.

Il terreno su cui avrebbe dovuto essere costruita la succursale catalana dell’Hermitage appartiene all’Autorità Portuale di Barcellona, il quale il 26 maggio 2021 ne ha autorizzato la costruzione, a condizione che l’accordo venisse firmato. Due giorni dopo il governo municipale ha deciso di non elaborare un progetto congiunto. Il Comune si oppone alla costruzione perché dubita della sua fattibilità finanziaria e per problemi di mobilità, visto che potrebbe attirare molti visitatori stranieri in una zona già fortemente sotto pressione dal punto di vista turistico. Per costruire l’Hermitage spagnolo si prevedeva un costo di 52 milioni di euro, tra i costi di costruzione, quelli per i materiali e quelli per il progetto museografico. L’opposizione da parte del Comune è stata la ragione per cui i promotori hanno deciso di rinunciare, anche se è ancora aperto un processo giudiziario attraverso cui l’azienda spera di recuperare i soldi investiti e una cifra aggiuntiva che potrebbe arrivare a oltre 100 milioni di euro. Secondo i promotori, il percorso giudiziario può essere esteso fino a otto anni, ma non ritengono fattibile mantenere vivo il progetto fino ad allora.

Nell’immagine, il progetto dell’Hermitage di Barcellona elaborato da Toyo Ito

L'Hermitage non avrà la sua succursale a Barcellona. I promotori rinunceranno al progetto
L'Hermitage non avrà la sua succursale a Barcellona. I promotori rinunceranno al progetto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Palazzo Ducale di Venezia espone eccezionalmente dopo il restauro le statue di Antonio Rizzo
Palazzo Ducale di Venezia espone eccezionalmente dopo il restauro le statue di Antonio Rizzo
La Soprintendenza di Roma apre virtualmente il suo archivio fotografico
La Soprintendenza di Roma apre virtualmente il suo archivio fotografico
Toscana, restauro per la cappella di Vitaleta, luogo simbolo del paesaggio toscano
Toscana, restauro per la cappella di Vitaleta, luogo simbolo del paesaggio toscano
Nasce anche in Italia UNESCO ResiliArt a sostegno della cultura
Nasce anche in Italia UNESCO ResiliArt a sostegno della cultura
Le diverse fasi del restauro de La Muta di Raffaello in un video dell'Opificio delle Pietre Dure
Le diverse fasi del restauro de La Muta di Raffaello in un video dell'Opificio delle Pietre Dure
Rischioso spostare a Capodimonte le Sette opere di misericordia di Caravaggio per la mostra. L'opera resta al Pio Monte
Rischioso spostare a Capodimonte le Sette opere di misericordia di Caravaggio per la mostra. L'opera resta al Pio Monte