L'Italia brilla ai Global Fine Art Awards, i “mondiali” delle mostre: con tre vittorie siamo secondi solo al Regno Unito


L’Italia ottiene tre vittorie ai Global Fine Art Awards, i mondiali delle mostre: seconda sola al Regno Unito.

Brillante risultato per l’Italia ai Global Fine Art Awards, i premi che ogni anno, dal 2014, vengono assegnati alle migliori mostre dell’anno. L’edizione 2018 ha visto 94 nominati da tutto il mondo, che si sono combattuti i quattordici riconoscimenti in palio. La cerimonia di premiazione si è tenuta l’altro ieri alla Harold Platt House di New York, e l’Italia, che gareggiava in tre categorie, ha ottenuto l’en plein.

Nella categoria Best Impressionist and Modern (1838-WWII) – Solo Artist ha trionfato la mostra Ambienti / Environments, l’esposizione degli ambienti spaziali concepiti alla fine degli anni Quaranta da Lucio Fontana (Rosario, Argentina, 1899 - Comabbio, 1968), tenutasi al Pirelli HangarBicocca di Milano dal 21 settembre 2017 al 25 febbraio 2018.

Vittoria italiana anche nella sezione Best Impressionist and Modern (1838-WWII) – Group or Theme, il cui premio è andato alla discussa mostra Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918–1943, l’enorme mostra sulle arti tra le due guerre curata da Germano Celant tenutasi alla Fondazione Prada dal 18 febbraio al 28 giugno 2018. La rassegna milanese si è aggiudicata il riconoscimento ex-aequo con la mostra Living Proof: Drawing in 19th Century Japan, che ha avuto luogo dal 3 novembre 2017 al 3 marzo 2018 alla Pulitzer Art Foundations di St. Louis.

Infine, vittoria anche per la terza e ultima italiana in gara, la mostra L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio che si è svolta dal 10 febbraio al 17 giugno 2018 ai Musei San Domenico di Forlì: la rassegna, volta ad approfondire un momento chiave della storia dell’arte, il passaggio tra Cinque e Seicento, è risultata vincitrice nella categoria Best Renaissance, Baroque, Old Masters and Dynasties (1200 – 1838) – Group or Theme. Si è trattato, peraltro, della prima mostra d’arte antica italiana ad aggiudicarsi i Global Fine Art Awards.

Nel “medagliere” finale, l’Italia si colloca al secondo posto a pari merito con gli USA (anche per loro tre vittorie), mentre si impone il Regno Unito con sei trionfi. Seguono il Canada, il Giappone e il Sudafrica con una vittoria ciascuno. È la prima volta che l’Italia riporta ben tre vittorie ai Global Fine Art Awards. Finora, a vincere il premio per l’Italia erano state solo la personale di Shirin Neshat al Museo Correr di Venezia del 2017, gli spettacolari Floating Piers di Christo e Jeanne-Claude (la “passerella” sul Lago d’Iseo del 2016, vincitrice nella categoria Best Public Art di quell’anno), e l’installazione Together di Jaume Plensa alla Biennale di Venezia del 2015 (nella categoria Best Public or Outdoor Installation).

L'Italia brilla ai Global Fine Art Awards, i “mondiali” delle mostre: con tre vittorie siamo secondi solo al Regno Unito
L'Italia brilla ai Global Fine Art Awards, i “mondiali” delle mostre: con tre vittorie siamo secondi solo al Regno Unito


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Crollo San Giuseppe dei Falegnami, danni per 1 milione. Parroco: “poteva essere una strage”
Crollo San Giuseppe dei Falegnami, danni per 1 milione. Parroco: “poteva essere una strage”
Ricettazione e commercio di opere d'arte false, tra gli indagati anche Vittorio Sgarbi
Ricettazione e commercio di opere d'arte false, tra gli indagati anche Vittorio Sgarbi
Terminato a Napoli il restauro del portone di Palazzo Diomede Carafa
Terminato a Napoli il restauro del portone di Palazzo Diomede Carafa
Roma, crolla il tetto di San Giuseppe dei Falegnami, la chiesa sul Carcere Mamertino che conserva importante opera di Carlo Maratta
Roma, crolla il tetto di San Giuseppe dei Falegnami, la chiesa sul Carcere Mamertino che conserva importante opera di Carlo Maratta
Restaurata la Porta Sud del Battistero di Firenze. Da dicembre tornerà visibile nel Museo dell'Opera del Duomo
Restaurata la Porta Sud del Battistero di Firenze. Da dicembre tornerà visibile nel Museo dell'Opera del Duomo
Firenze vista dall'alto di torri e fortezze. Per tutta l'estate visite guidate
Firenze vista dall'alto di torri e fortezze. Per tutta l'estate visite guidate