La Pisana di Arturo Martini sarà esposta per tre anni alla Galleria Ricci Oddi


Da domenica 5 luglio La Pisana, celebre scultura di Arturo Martini del 1928, sarà esposta per tre anni alla Galleria Ricci Oddi di Piacenza.

La Galleria Ricci Oddi di Piacenza esporrà per tre anni una delle celebri sculture di Arturo Martini, La Pisana, opera realizzata dall’artista nel 1928. 

I visitatori della sede museale piacentina potranno quindi ammirare da domenica 5 luglio la famosa scultura in pietra di Vicenza, grazie a un comodato gratuito. L’opera appartiene a una collezione privata.

Si tratta di una delle dieci sculture più importanti dei primi del Novecento e sarà collocata in una sala a lei dedicata, con un nuovo allestimento. Inoltre, grazie a un’apposita illuminazione, si potrà vedere l’opera anche di sera, attraverso una grande vetrata, passeggiando lungo via San Siro.

“L’esemplare in pietra che è qui esposto” ha dichiarato Nico Stringa, professore associato di Storia dell’Arte all’Università Cà Foscari di Venezia e studioso dell’opera di Arturo Martini, “collocato opportunamente in modo da avere il punto di visione privilegiato, fa tutt’uno con il suo strato di basamento grezzo, al contrario del bronzo dove la base è costituita solamente dal drappo leggero su cui è disteso il corpo nudo della Pisana. Dunque, nel nostro caso: pietra da pietra; sasso da sasso, natura da natura”.

La Pisana di Arturo Martini sarà esposta per tre anni alla Galleria Ricci Oddi
La Pisana di Arturo Martini sarà esposta per tre anni alla Galleria Ricci Oddi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER