Londra, una piramide colorata celebra il movimento LGBT e il ritorno alla convivialità


Londra celebra con una grande piramide pop e coloratissima il movimento LGBT e il ritorno alla convivialità. 

A Londra, nei pressi della King’s Cross Station, è comparsa, in occasione del Pride Month, una grande piramide colorata: si tratta della Pride Little Pyramid, installazione creata dal designer Adam Nathaniel Furman che rimarrà lì collocata per tutta l’estate. 

La coloratissima struttura è circondata da sedute e l’autore spera che le persone tornino a sostare in questa zona e che l’opera porti gioia e felicità a queste ultime. “L’idea era di creare qualcosa che fosse monumentalmente gioioso” ha dichiarato il designer. “È un monumento divertente e sopra le righem, quasi un anti-monumento”. 

Alta oltre nove metri, la piramide caratterizzata dai tipici motivi colorati, geometrici e pop di Furman, intende celebrare il movimento LGBT e ispirare una convivialità alquanto perduta a causa della pandemia e delle restrizioni legate a essa. Costruita sulla struttura riciclata di un albero di Natale, presenta tutt’intorno un basamento a specchio con quattro torri angolari da utilizzare come seduta. Il basamento a specchio riflette l’ambiente circostante e i suoi colori, dando vita a decorazioni in continuo cambiamento. 

Furman si è ispirati all’architettura industriale che si trova intorno alla piramide, le forme riprodotte derivano dall’architettura vittoriana, con un riferimento al contesto locale e, ai vertici, quattro simpatiche emoji rimandano alla gioia e all’inclusione

La piramide è il primo progetto realizzato nell’ambito dei sei mesi di residenza artistica di Furman nel noto quartiere londinese. 

Londra, una piramide colorata celebra il movimento LGBT e il ritorno alla convivialità
Londra, una piramide colorata celebra il movimento LGBT e il ritorno alla convivialità


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2021
Tutto il 2021 in un libro di 430 pagine con 65 fotografie a colori, in una selezione di 65 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI