Il Louvre vuole restituire ai legittimi proprietari alcuni dipinti


Il Louvre ha intenzione di esporre alcuni dipinti, rimasti nei magazzini, per restiturli agli eredi dei legittimi proprietari.

Il Louvre ha stabilito di esporre nelle sue collezioni permanenti trentuno opere, finora rimaste nei magazzini del celebre museo parigino: queste sono parte di una vasta serie di quadri, circa 290, che sarebbero stati trafugati a collezionisti privati ebrei da parte del regime nazista.

Le opere in questione sono dipinti di Eugène Delacroix, François Boucher e Théodore Rousseau e verranno esposti con l’intento di trovare gli eredi dei legittimi proprietari. Il Louvre dedicherà due sale alle suddette opere. 

Sebastien Allard, responsabile dei dipinti del museo, ha affermato: “Queste opere non ci appartengono, spesso in passato i musei sono passati come ladri, ma non stiamo cercando di appropriarcene. La maggioranza delle opere d’arte recuperate sono state rubate a famiglie ebraiche. C’è la possibilità che gli eredi le riconoscano, le reclamino, e richiedano ufficialmente la loro restituzione”.

Ph.Credit

Il Louvre vuole restituire ai legittimi proprietari alcuni dipinti
Il Louvre vuole restituire ai legittimi proprietari alcuni dipinti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER