Marco Magnifico è il nuovo presidente del FAI al posto del dimissionario Carandini


Andrea Carandini rassegna le dimissioni da presidente del FAI - Fondo Ambiente Italiano. Gli succede il vicepresidente Marco Magnifico, appena nominato nuovo presidente.

Il FAI - Fondo Ambiente Italiano ha un nuovo presidente: è Marco Magnifico, già vicepresidente esecutivo del FAI dal gennaio 2010 a ottobre 2021. Il Consiglio d’Amministrazione del FAI lo ha nominato nella seduta di ieri, a seguito della decisione del presidente Andrea Carandini di rassegnare le proprie dimissioni. Il Consiglio di Amministrazione ha ringraziato il professor Carandini per il suo impegno a favore del FAI.

“Ho lasciato il secondo mandato da Presidente due anni prima della scadenza”, ha dichiarato Carandini, “pensando al bene del FAI. Ho dedicato la mia presidenza a una riforma della Fondazione, perché si emancipasse dalle circostanze dei suoi esordi, crescesse e maturasse, potendo così durare nel tempo, quale istituzione stabile della Repubblica. La riforma è consistita in un piano strategico, che si concluderà nel 2024, finalizzato a realizzare la ’nuova dimensione’, accresciuta, del FAI: non solo più Beni tutelati, valorizzati e gestiti – oggi 68, ben 20 in più dal 2013 - e più sostenibili (per l’85% degli oneri) -, e una rete di migliaia di volontari in ormai 350 presidi in tutto il Paese, ma anche un rinforzo dell’attività culturale, rifondata sulla ricerca scientifica applicata alla valorizzazione culturale e su una visione dei Beni del FAI come parti ed espressioni di contesti, e di un ’ambiente’ riconsiderato come intreccio indissolubile di natura e storia. Ma una riforma non è completa se non facilita l’andare avanti: quindi il ringiovanimento, a partire da quello presidenziale. Lascio oggi il FAI nelle mani del nuovo Presidente, Marco Magnifico, che sarà garante di una struttura organizzata, solida, matura ed efficace nel perseguire la missione, nel solco della tradizione dei fondatori, ma lanciata verso il futuro”.

Andrea Carandini è stato Presidente dal 19 febbraio 2013. La presidenza passa oggi a Marco Magnifico, che ha così commentato la sua nomina: “Ritirato dopo 35 anni creativi e meravigliosi da ogni funzione esecutiva e grato al Consiglio per la fiducia assicuro oggi alla Fondazione come nuovo Presidente la pienezza della mia dedizione entusiasta, profonda e convinta alla missione del FAI. Nel solco tracciato dai Fondatori e dai tre presidenti che mi hanno preceduto e a fianco della struttura operativa e delle Delegazioni sul territorio, mi impegno a guidare il FAI in una crescita e in un’evoluzione che sempre più lo radichino come una delle primarie realtà della società civile italiana, nata e cresciuta con vero spirito sociale per affiancare le istituzioni dello Stato nella cura e nella valorizzazione dell’«ambiente» del nostro Paese, inteso come meravigliosa e inscindibile unione di Natura e Storia”.

Nato a Como il 29 ottobre 1954, Marco Magnifico si è laureato in Lettere con indirizzo Storico Artistico all’Università di Pavia, e si è quindi specializzato in Storia dell’Arte presso l’Università di Firenze vincendo, in seguito, una borsa di studio di un anno presso la fiorentina Fondazione Roberto Longhi. Per quasi quattro anni ha lavorato, in qualità di esperto di dipinti antichi, alla casa d’aste inglese Sotheby’s, prima presso la sede di Londra, quindi in Italia. Nel 1985 ha iniziato il suo lavoro al FAI. Nel gennaio 2010 è stato nominato Vicepresidente Esecutivo, divenendo responsabile delle relazioni culturali con il Ministero della Cultura, il Ministero dell’Ambiente, enti, associazioni private e pubbliche italiane e straniere, dei restauri e della conservazione degli oggetti mobili e delle collezioni di proprietà della Fondazione, dell’attività editoriale e delle istruttorie per le proposte di acquisizione rivolte al FAI. Oggi, dopo 35 anni di esperienza sempre in prima linea, è testimone di buona parte della storia del Fondo per l’Ambiente Italiano. Ha partecipato, come membro del Comitato Scientifico, a numerose mostre d’arte antica, curandone le pubblicazioni. Nei primi anni Ottanta ha redatto alcune voci del Catalogo Generale dei Dipinti della Pinacoteca di Brera, curato da Federico Zeri ed edito da Electa. Nel 2009 è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica. Dal 2015 è membro del CdA de La Società del Quartetto. Nel 2017 ha ricevuto l’onorificenza di Amis de la Vallée d’Aoste. Dal 2017 è membro del CdA della Fondazione SAME di Treviglio (BG). Dal 2018 è membro del CdA dei Musei Reali di Torino, per nomina del Ministro Dario Franceschini; il mandato è stato rinnovato nel 2020.

Nella foto: Andrea Carandini e Marco Magnifico

Marco Magnifico è il nuovo presidente del FAI al posto del dimissionario Carandini
Marco Magnifico è il nuovo presidente del FAI al posto del dimissionario Carandini


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Bonus vacanze, Netflix cultura, no autorizzazioni per dehors, Fondo Cultura: le misure del dl rilancio per cultura e turismo
Bonus vacanze, Netflix cultura, no autorizzazioni per dehors, Fondo Cultura: le misure del dl rilancio per cultura e turismo
Pisa, Soprintendenza approva costruzione di una moschea, l'assessore attacca: “è un ente fascista”
Pisa, Soprintendenza approva costruzione di una moschea, l'assessore attacca: “è un ente fascista”
Roma, dopo quasi tre anni di restauro aprono al pubblico gli ipogei del Colosseo
Roma, dopo quasi tre anni di restauro aprono al pubblico gli ipogei del Colosseo
Cosa sta succedendo alla Alinari? La situazione dell'azienda e cosa potrebbe accadere all'archivio storico
Cosa sta succedendo alla Alinari? La situazione dell'azienda e cosa potrebbe accadere all'archivio storico
Quasi 30.000 visitatori per la Quadriennale, prima grande mostra gratuita in periodo Covid
Quasi 30.000 visitatori per la Quadriennale, prima grande mostra gratuita in periodo Covid
Gli educatori museali chiedono il riconoscimento giuridico e normativo della professione
Gli educatori museali chiedono il riconoscimento giuridico e normativo della professione