Dal MiBAC 180 milioni di euro per 595 interventi sul patrimonio culturale


Il MiBAC stanzia 180 milioni di euro per 595 interventi sui siti del patrimonio culturale tra 2019 e 2020.

Il ministro dei beni culturali, Alberto Bonisoli, ha annunciato lo stanziamento di 180 milioni di euro per eseguire 595 interventi sul patrimonio culturale italiano: si tratta della programmazione 2019-2020 del Fondo Tutela del Ministero dei Beni Culturali, finanziato con le risorse derivanti dalla legge di stabilità del 2015. Tra gli interventi che verranno eseguiti nel 2019, si contano la valorizzazione e il restauro delle decorazioni delle sale pompeiane a Palazzo Reale (Napoli), la messa in sicurezza delle facciate e coperture di Castel dell’Ovo a Napoli, il recupero delle facciate del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il riallestimento del Museo Archeologico Nazioanle di Parma al complesso della Pilotta, il nuovo impianto di illuminazione del Parco di Miramare a Trieste, la messa in sicurezza della Crypta Balbi a Roma, il restauro di Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure, il restauro della basilica di San Lorenzo a Milano, il restauro delle facciate interne del cortile d’onore della Pinacoteca di Brera, la messa in sicurezza e il restauro del tratto urbano dell’Acquedotto Mediceo di Pisa, il restauro degli archivi giudiziari medicei alluvionati a Firenze, la messa in sicurezza delle facciate e delle coperture della Pinacoteca Nazionale di Siena, il restauro delle facciate e degli stemmi del cortile del Museo del Bargello.

L’anno successivo partiranno altri lavori come la tutela e il restauro dei resti archeologici ai piedi della rupe di Canossa, il miglioramento della fruizione e la nuova illuminazione interna del Mausoleo di Teodorico di Ravenna, i lavori ci consolidamento strutturale e miglioramento sismico della Pilotta di Parma, il restauro delle cucine storiche del Castello di Miramare a Trieste, il restauro della villa romana di Sirmione, il restauro delle superfici lapidee della Pinacoteca di Brera, la messa in sicurezza delle coperture della Villa Medicea di Poggio a Caiano, il riallestimento dei depositi archeologici di Carsulae, l’adeguamento impiantistico della Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia, il restauro del portico delle Procuratie Nuove di Venezia, la realizzazione dell’impianto di climatizzazione della Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia.

“Un’attenzione al patrimonio che necessita di interventi di tutela”, ha dichiarato il ministro Bonisoli, “e che è frutto di un puntuale lavoro di ricognizione sui territori, attraverso il coinvolgimento di tutti gli istituti periferici del Ministero. Tra le priorità, il restauro dei beni culturali, in particolare quelli colpiti da calamità naturali; il recupero di aree paesaggistiche degradate, la prevenzione contro i rischi sistemici e ambientali, ma anche l’efficientamento energetico e il miglioramento dell’accessibilità, intesa come obiettivo per la partecipazione e l’inclusione sociale”.

La programmazione biennale prevede oltre 17, 6 milioni di euro per lavori urgenti e imprevisti, in particolare nel settore Archivi, e la disponibilità di somme utili per il cofinanziamento dei progetti Art Bonus, ossia che hanno ottenuto il sostegno economico attraverso il mecenatismo di privati.

Nella foto: l’Acquedotto Mediceo di Pisa

Dal MiBAC 180 milioni di euro per 595 interventi sul patrimonio culturale
Dal MiBAC 180 milioni di euro per 595 interventi sul patrimonio culturale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER