Il MiBAC investe 109 milioni di euro per la sicurezza di visitatori, dipendenti e siti culturali


Il Ministero dei Beni Culturali investe 109 milioni di euro in un piano per la sicurezza di visitatori, dipendenti e siti culturali.

Nel corso di una visita alla sede dell’Archivio di Stato di Arezzo, dove nel mese di settembre hanno perso la vita due dipendenti del Ministero dei Beni Culturali a causa di un incidente sul lavoro, il ministro Alberto Bonisoli ha annunciato che il MiBAC ha stanziato 109 milioni di euro da investire in sicurezza di visitatori, dipendenti e siti culturali, “con uno sforzo”, sottolinea il ministro, “senza precedenti che interesserà 314 siti. Non c’è mai stato un investimento maggiore per la sicurezza nella storia di questo ministero”.

Il ministro ha poi aggiunto che un piano straordinario per la sicurezza sul lavoro e la tutela dell’integrità fisica dei dipendenti, dei visitatori dei luoghi della cultura e dello stesso patrimonio nazionale sia il modo migliorare per onorare la memoria di Piero Bruni e Filippo Bagni, i due lavoratori scomparsi. Il piano riguarderà soprattutto sicurezza antincendio e formazione. “La sicurezza, bene pubblico per eccellenza”, ha concluso il ministro, “è una priorità di questo Governo anche in materia di beni culturali e quindi di tutela del patrimonio, tra cui chiese e monumenti d’Italia. Continueremo a impegnarci in questa direzione: intendiamo migliorare la nostra capacità di monitoraggio e controllo e di reazione nei casi di emergenza, senza trascurare utili opportunità riconducibili a negoziati europei attualmente in corso in settori di avanguardia. Di ciò ho avuto modo di parlare anche ieri a Firenze con il Commissario Europeo alla cultura Navracsics”.

Bonisoli ha ribadito il concetto in una riunione plenaria dei direttori delle biblioteche statali, che si è tenuta presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. L’argomento principale è stato quello della sicurezza, con l’invito a tutti i direttori, da parte del ministro, del Segretario Generale del MiBAC Giovanni Panebianco e della Direttrice Generale Biblioteche e Istituti Culturali, Paola Passarelli, ad analizzare in maniera approfondita criticità e possibili soluzioni. “In tema di sicurezza”, ha evidenziato il ministro, “avrò pochissima tolleranza e gli istituti si dovranno adeguare nel più breve tempo possibile”. Nella riunione si è poi discusso di digitalizzazione, di reti tra le biblioteche, di interventi comuni, di promozione del patrimonio librario.

Nella foto: la visita del ministro Bonisoli all’Archivio di Stato di Arezzo.

Il MiBAC investe 109 milioni di euro per la sicurezza di visitatori, dipendenti e siti culturali
Il MiBAC investe 109 milioni di euro per la sicurezza di visitatori, dipendenti e siti culturali


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER