Il MiBACT compra all'asta otto tavole di Taddeo di Bartolo


Il MiBACT si aggiudica all’asta otto tavole di Taddeo di Bartolo, importante pittore senese del Trecento. Andranno al Palazzo Ducale di Gubbio.

Importante acquisto del Ministero dei Beni Culturali, che si è aggiudicato in asta da Pandolfini otto piccole tavole di Taddeo di Bartolo (Siena, 1362 circa - 1422), uno dei più importanti pittori della scuola senese del gotico internazionale, stile a cui coniugò solidità di forme e raffinatezza. Il MiBACT ha esercitato il diritto di prelazione ed è riuscito ad avere le opere per la cifra di 150.000 euro (nel 2013, singole tavole dello stesso artista erano giunte a toccare quasi 600.000 euro).

Le otto tavole raffigurano altrettanti santi ed erano anticamente parte di un polittico eseguito verso la fine della carriera dell’artista e un tempo conservato nella chiesa di San Domenico di Gubbio: lo scomparto centrale, una Madonna col Bambino del 1418, e altri quattro santi, erano già stati identificati e sono tutti conservati in collezioni pubbliche statunitensi. Il MiBACT ha deciso di destinare le otto tavole al Palazzo Ducale di Gubbio, museo che fa parte del Polo Museale Regionale dell’Umbria.

Il MiBACT compra all'asta otto tavole di Taddeo di Bartolo
Il MiBACT compra all'asta otto tavole di Taddeo di Bartolo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER