Il mondo dello spettacolo riapre: dal 26 aprile teatri e cinema ripartono sia all'aperto che al chiuso


Dopo un anno di chiusure, il mondo dello spettacolo riapre sia all’aperto che al chiuso: dal 26 aprile riaprono in zona gialla cinema, teatri e sale da concerto.

Dal 26 aprile 2021 riapriranno, dopo un anno di chiusura a causa delle misure restrittive anti-Covid imposte dal Governo, cinema, teatri e sale da concerto all’aperto e al chiuso nelle zone gialle

In una nota pubblicata dal Ministero della Cultura si legge che il Comitato Tecnico Scientifico ha accolto le proposte del ministro Franceschini per il riavvio delle attività legate al mondo dello spettacolo, permettendo nelle zone gialle la riapertura di cinema, teatri e sale da concerto sia all’aperto che al chiuso, con l’aumento del pubblico ammissibile

Si passa dunque dal 25% al 50% dei posti occupabili in sala, con un innalzamento a un massimo di 500 spettatori (prima erano 200) nelle sale al chiuso e di 1.000 spettatori (prima erano 400) in quelle all’aperto. 

Il pubblico, gli artisti e il personale dovranno rispettare tutte le misure di sicurezza previste dai protocolli. Il Comitato Tecnico Scientifico, inoltre, come chiesto dal Ministero, ha ammesso la possibilità che le Regioni autorizzino spettacoli ed eventi, con un numero superiore di spettatori, adottando misure di sicurezza aggiuntive.

 

Il mondo dello spettacolo riapre: dal 26 aprile teatri e cinema ripartono sia all'aperto che al chiuso
Il mondo dello spettacolo riapre: dal 26 aprile teatri e cinema ripartono sia all'aperto che al chiuso


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma