Bologna, al LabOratorio degli Angeli il nuovo progetto di Sissi, “Sacri Indici”


Dal 21 gennaio al 6 febbraio 2022, il LabOratorio degli Angeli di Bologna ospiterà “Sacri Indici”, nuovo progetto site-specific di Sissi, artista che lavora sul corpo e sull’anatomia umana.

Dal 21 gennaio al 6 febbraio 2022, in occasione della nuova edizione di ART CITY Bologna, il LabOratorio degli Angeli di Bologna, che ha sede nella chiesa sconsacrata di Santa Maria degli Angeli e nell’attiguo ex oratorio, presenta Sacri Indici, un nuovo progetto site-specific di Sissi (Daniela Oliveri; Bologna, 1977), a cura di Leonardo Regano e realizzato in collaborazione con la Galleria d’Arte Maggiore g.a.m. Per la prima volta è esposta al pubblico una grande carta monumentale, un’anatomia ’sacra’ che l’artista ha prodotto appositamente per la mostra entrando in intima connessione con la peculiarità dello spazio espositivo che ospiterà il suo lavoro.

L’attenzione al corpo e la ricerca sull’anatomia umana che hanno da sempre contraddistinto la pratica di Sissi, si rinnova in Sacri Indici nelle suggestioni dell’ex Oratorio di Santa Maria degli Angeli. Una selezione di otto grandi opere su carta appartenenti al ciclo degli Index, scandiscono lo spazio espositivo dello storico laboratorio di restauro e lo mutano in un percorso che ne riattualizza la sua originaria natura di luogo adibito al culto. Questi otto corpi, nelle loro particolarità visionarie ed emotive, rivelano la dualità della loro natura, carnale e mistica. Tra di esse, il visitatore è guidato e costretto in un passaggio verso il centro della sala dove l’artista presenta il nuovo, grande, Index prodotto per l’occasione. Alle pareti dell’ex Oratorio, l’artista espone una selezione di lavori affini, sempre su carta ma di formato più intimo, allestiti con un ritmo pacato e regolare, in contrapposizione con la visione monumentale del centro dello spazio. La mostra Sacri Indici sarà anche l’occasione per esporre Anatomia Parallele, libro-opera che raccoglie gli studi di Sissi sul corpo, nelle cui tavole l’artista indaga con metodo scientifico la figura umana e i suoi organi interni, in una corrispondenza tra interiorità ed emotività che si è poi tradotta nelle grandi carte sciolte in mostra nel laboratorio di restauro.

Come ogni anno, le scelte espositive saranno per l’artista invitato anche un prezioso momento di confronto con il LabOratorio degli Angeli e le sue attività, che curerà la presentazione delle opere di grande formato proponendo diverse soluzioni di montaggio a seconda dei differenti supporti e delle tecniche esecutive.

Sissi, vero nome Daniela Oliveri, è nata a Bologna nel 1977, vive e lavora tra Bologna e Londra. La sua ricerca si articola attraverso un linguaggio che attinge tanto dal mondo scientifico quanto da quello personale e intimo. Il punto di partenza è la riflessione sul corpo, che attraverso un confronto con il modello enciclopedico reinterpreta l’anatomia come metafora dell’esistente. Partendo dalla performance, Sissi indaga la soggettività e la costruzione sociale ed emozionale del corpo in un’anatomia emotiva che vede la sperimentazione costante su diversi piani artistici: dalla performance scaturisce un segno materico che si incarna in sculture, installazioni, disegni, pitture e fotografie. L’artista rimodella e rimodula materiali, tecniche, linguaggi, significati e forme, attraverso un personale sistema di codici visivi e letterari che rinnova la lettura del nostro quotidiano in modalità tassonomica.

Sissi ha esposto le sue opere in mostre personali in Italia e all’estero, tra cui: Corpi e Processi - Storie di fili, CSAC Parma, (2020); Vestimenti, Palazzo Bentivoglio, Bologna, (2020); Motivi Ossei, Galleria d’Arte Maggiore g.a.m, Bologna (2016); Istinti-Estinti, Galleria Tiziana Di Caro, Napoli (2016); Manifesto Anatomico , MAMbo e Musei Civici d’Arte Antica – Istituzione Bologna Musei, Bologna (2015); Lezioni d’italiano, The Old Operating Theatre, Londra (2013); Aspiranti Aspiratori, Aike Dellarco Gallery, Shanghai (2013); Volume Interno, Fondazione Volume!, Roma (2012); Addosso, Fondazione Pomodoro, Milano (2010); Al di là dello sguardo la corda lega, Mizuma Gallery, Tokyo (2008); Nature, Chelsea Art Museum, New York (2006); Nidi, MACRO, Roma (2004); The Walk, W139 Amsterdam, Smak, Gent (2003); Aerea, MoCA, Miami (2001). Nel 2012 vince il Gotham Prize; nel 2006 le assegnano la borsa di studio dell’American Academy in Rome; nel 2005 si aggiudica il Premio New York del Ministero degli Affari Esteri; nel 2003 la GAM di Bologna le conferisce il Premio Alinovi; vince il Premio Furla per l’Arte nel 2002.

Nel 2008 è entrata a far parte del programma di residenze del Tokyo Wonder Site - Tokyo Metropolitan Foundation for History and Culture e nel 2004 è stata artista in residenza presso la Neue Galerie am Landesmuseum Joanneum a Graz. Fra le mostre collettive e i festival: Sublimi Anatomie, Palazzo dell’Esposizioni, Roma (2019); Biennial Vallauris, Terre d’Italia, Musée de la Ceramique, Vallauris (2020), Santarcangelo Festival, Santarcangelo (2018); Porto Marghera100, Palazzo Ducale, Venezia (2017); Par tibi Roma Nihil, Musei Fori Imperiali, Roma (2016); Fondazione Volume!, Musee d’Art Moderne et Contemporain (Saint Etienne Metropole, 2015); Growing roots, Museo del Novecento, Milano (2013); Silenzi in cui le cose s’abbandonano, Museo d’Arte Contemporanea, Zagabria (2012); Patterns of Mind, Turku Biennal, Turku (2011); No soul for sale, A festival of Indipendents, Tate Modern, London (2011); Collaudi, Padiglione Italia, 53ma Biennale di Venezia (2009); Quadriennale di Roma (2008); Global Feminism, Brooklyn Museum, New York (2007); Italian Genius Now, Museo Pecci, Prato (2007); Phantom of Desire, Neue Galerie am Landesmuseum Joanneum, Graz (2003); Poeziezomer Watou, SMAK, Ghent, 2001. Ha collaborato con aziende come Furla, per il progetto “Furla & I” e “Candybrissima Show” a cura della Fondazione Furla dal 2010 al 2013, e nel 2012 con Elica per il progetto Aspiranti Aspiratori, a cura della Fondazione Ermanno Casoli.

La mostra durante ART CITY Bologna (21-22-23 gennaio) apre venerdì 21 dalle 11.00 alle 18.00, sabato 22 dalle 11.00 alle 24.00, domenica 23 – dalle 11.00 alle 20.00. Nei giorni seguenti dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 18, ingresso libero.

Immagine: Sissi, Anatomia Parallela (1999-2018; libro d’artista in 5 edizioni realizzate a mano, tecnica mista, 32 x 22 cm).

Bologna, al LabOratorio degli Angeli il nuovo progetto di Sissi, “Sacri Indici”
Bologna, al LabOratorio degli Angeli il nuovo progetto di Sissi, “Sacri Indici”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Rinvenuta a Milano una necropoli: c'è anche lo scheletro di un cavallo
Rinvenuta a Milano una necropoli: c'è anche lo scheletro di un cavallo
In Veneto scoperto uno splendido pavimento romano a mosaico sotto un vigneto
In Veneto scoperto uno splendido pavimento romano a mosaico sotto un vigneto
Agrigento, nascerà il Museo della Città nell'ex Collegio dei Padri Filippini
Agrigento, nascerà il Museo della Città nell'ex Collegio dei Padri Filippini
Un caso di Covid al Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo: chiuso il museo
Un caso di Covid al Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo: chiuso il museo
Il Museo del Fumetto escluso dai ristori del MiBACT. Franceschini: “Errore degli uffici”
Il Museo del Fumetto escluso dai ristori del MiBACT. Franceschini: “Errore degli uffici”
Inaugurata a Milano la prima statua pubblica dedicata a una donna: è Cristina Trivulzio di Belgiojoso
Inaugurata a Milano la prima statua pubblica dedicata a una donna: è Cristina Trivulzio di Belgiojoso