I musei francesi, chiusi da sei mesi, scrivono una lettera a Macron: “fateci riaprire”


Chiusi dal 30 ottobre ininterrottamente, i musei francesi adesso hanno scritto una lettera al presidente Emmanuel Macron per chiedere certezze sul calendario delle riaperture.

In Francia i musei sono chiusi ininterrottamente da quasi sei mesi: a oggi sono 176 i giorni di chiusura continua, ma supereranno a breve i 200 perché non sono previste riaperture prima di metà maggio (e anche quest’ultimo termine comunque è in forse). Così, cinque importanti soggetti che riuniscono molti musei francesi, ovvero il Comitato Nazionale dell’International Council of Museums (ICOM), la Fédération des écomusées et musées de société, la CIPAC – Fédération des professionnels de l’art contemporain, l’Amcsti - réseau national des professionnels des cultures scientifique, technique et industrielle e la rete Plein Sud hanno scritto una lettera al presidente della repubblica, Emmanuel Macron, per chiedere riaperture.

“Monsieur le Président”, si legge nel testo, “i membri delle nostre organizzazioni e delle nostre reti, che rappresentano una gran varietà di musei e spazi espositivi in Francia, sono inquieti. Inquieti per la situazione legata alla pandemia, ma inquieti anche per l’assenza, da molte settimane, di informazioni e di dialogo sul calendario delle riaperture dei nostri istituti culturali. Da un anno, i luoghi che rappresentiamo hanno dato prova della loro volontà di adattarsi instancabilmente a tutte le misure sanitarie e della loro disponibilità ad accogliere i loro pubblici, i loro staff e gli artisti, nel più stretto e scrupoloso rispetto dei protocolli e delle misure anti-contagio. Due mesi fa era stato annunciato che i musei e gli spazi espositivi, chiusi dal 30 ottobre, sarebbero stati “i primi convocati sulle riaperture”, non appena sarebbe stata accertata una discesa del Covid”.

“Cosa ne è stato di quella promessa di riapertura anticipata? Nonostante fossimo i primi nella lista delle riaperture”, concludono i musei, “adesso apprendiamo dalla stampa che questa agenda è stata di nuovo messa in discussione. Nell’estate del 2020 eravamo stati i primi a riaprire senza che alcun focolaio si verificasse. Eravamo preparati. Il pubblico, entusiasta e rassicurato, ha risposto presente. E ora di nuovo siamo pronti per riaprire a metà maggio. Vi chiediamo dunque con insistenza l’autorizzazione di aprire le porte dei nostri spazi in modo da dare di nuovo all’arte e alla cultura tutto il posto che devono avere nella società”.

Al momento però non si sa di preciso se e quando i musei francesi, provati da sei mesi di chiusure ininterrotte, potranno tornare a riaprire le porte e dalle autorità non trapelano commenti o notizie.

I musei francesi, chiusi da sei mesi, scrivono una lettera a Macron: “fateci riaprire”
I musei francesi, chiusi da sei mesi, scrivono una lettera a Macron: “fateci riaprire”


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma