Grave e clamoroso in Sicilia. Museo di Siracusa vende pezzi della propria collezione per non chiudere


Siracusa, il Museo del Papiro rischia la chiusura per il dimezzamento dei fondi regionali, e per autofinanziarsi mette in vendita pezzi della propria collezione.

Ha del clamoroso la grave vicenda del Museo del Papiro “Corrado Basile” di Siracusa. Il museo, che sta affrontando una seria crisi dovuta al fatto che la regione ha deciso di dimezzare i contributi economici necessari per il sostentamento dell’istituto, ha infatti deciso di autofinanziarsi mettendo in vendita alcuni pezzi della propria collezione. Si tratta, in particolare, di venti frammenti di papiri greci e demotici.

Nell’annuncio diramato dal museo siracusano si legge che i pezzi sono “accertata provenienza, acquistati circa dieci anni fa e inediti”. Il museo è uno dei più importanti presidi nazionali per lo studio dei papiri: fondato nel 1987 da Corrado Basile e Anna Di Natale, il Museo del Papiro è, per ricchezza e varietà della propria collezione, un punto di riferimento anche per gli studiosi. La notizia è stata accolta con stupore e si teme possa costituire un insidioso precedente.

Grave e clamoroso in Sicilia. Museo di Siracusa vende pezzi della propria collezione per non chiudere
Grave e clamoroso in Sicilia. Museo di Siracusa vende pezzi della propria collezione per non chiudere


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER